Profumo vede l’insegnante prossimo futuro come un direttore d’orchestra

Di
WhatsApp
Telegram

red – E’ l’ultima metafora, dopo la scuola come hub, che il Ministro Profumo ha utilizzato per cercare di spiegare la propria idea di scuola e il ruolo che dovrebbe avere in essa l’insegnante.

red – E’ l’ultima metafora, dopo la scuola come hub, che il Ministro Profumo ha utilizzato per cercare di spiegare la propria idea di scuola e il ruolo che dovrebbe avere in essa l’insegnante.

Un direttore d’orchestra, "in un sistema molto più complesso", ha affermato durante una intervista a RaiNews24. Ed ha ripreso il concetto di flessibilità, che chiaramente vorrebbe legare all’estensione dell’orario lavorativo da 18 a 24 ore. Il Ministro vede i compiti degli insegnanti diversificarsi e la necessità di "maggiore flessibilità nell’impegno del docente, ci potrebbero essere persone che lavoreranno un po’ meno e altre un po’ di più".

Il luogo deputato per discutere di ciò e del prossimo contratto 2014 è, secondo Profumo, una Conferenza della scuola, che in altre occasioni ha chiamato "Stati generali".

Profumo, cosciente di non essere più in sella al Ministero dell’istruzione, spera che dalla Conferenza nasca un "progetto per i governi futuri"

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur