Professori universitari con doppio lavoro da ingegneri e architetti. Guardia di Finanza scova 172 casi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La Guardia di Finanza ha avviato una indagine che al momento ha toccato le facoltà di Architettura e Ingegneria, ma che sarà presto estesa anche a Giurisprudenza, Economia e Commercio, Medicina.

Sotto accusa i professori universitari che svolgono anche l’attività professionale privata. Una incompatibilità decisa dalla riforma Gelmini, secondo la quale per continuare ad esercitare la professione il professore universitario deve optare per il “tempo definito”, con conseguente abbassamento dello stipendio. Chi decide di proseguire per il tempo pieno può svolgere solo attività non incompatibili, come svolgere convegni o scrivere libri).

L’inchiesta – spiega il Sole24Ore – è a livello nazionale, e finora le irregolarità riscontrate sono state 172, per un danno erariale da 42 mln di euro.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione