Professori, imparate a stare “scialli”!

WhatsApp
Telegram

Vediamo in che modo con questo pezzo a cura di Skuola.net. Professori e studenti parlano due lingue differenti? Sembrerebbe proprio di sì. Tre ragazzi su 5 raccontano che i loro insegnanti li sgridano quando si rivolgono a loro in gergo giovanile. Al contrario, la maggior parte dei ragazzi desidera che i propri prof si esprimano come loro. E allora, come andare d’accordo?

Vediamo in che modo con questo pezzo a cura di Skuola.net. Professori e studenti parlano due lingue differenti? Sembrerebbe proprio di sì. Tre ragazzi su 5 raccontano che i loro insegnanti li sgridano quando si rivolgono a loro in gergo giovanile. Al contrario, la maggior parte dei ragazzi desidera che i propri prof si esprimano come loro. E allora, come andare d’accordo?

Non solo uomini da Marte e donne da Venere, anche studenti e professori sembrano provenire da due pianeti differenti. E di sicuro non parlano la stessa lingua. Lo dimostra uno studio di Skuola.net su circa 500 ragazzi di medie e superiori. I professori mal sopportano che i propri alunni si esprimano in gergo giovanile (con gli inevitabili dialettalismi), mentre allo stesso tempo i ragazzi sono stufi della lingua formale o “d’altri tempi” usata di norma dai professori (che spesso e volentieri hanno 30, o persino 40 o 50, anni in più!). Il dialogo è impossibile?

Diamo uno sguardo ai dati. Ben il 68% racconta che i propri insegnanti sono pronti a “bacchettare” al suono di uno “stai sciallo” di troppo (o similari), uscito dalle labbra di un alunno particolarmente disinvolto. Divieto di gergo giovanile: lo slang deve rimanere fuori dalla classe. Ma come la mettiamo con quel non indifferente 72% dei ragazzi che, invece, vorrebbero che entrasse di diritto a scuola, e che addirittura venisse usato di più dai propri professori durante le lezioni? Del resto il tempo passa e la lingua si trasforma, e siamo arrivati in un soffio dritti all’era dei 140 caratteri.

C’è bisogno quindi di insegnare ai prof come si parla tra ragazzi? E’ necessario svelare loro tutti i segreti della lingua di post, chat ed sms, o semplicemente dell’esprimersi quotidiano degli under-18? Ebbene, un buon 40% afferma di si: sarebbe favorevole addirittura a fornire loro un pratico “traduttore” alunni-professori, da studiare da cima a fondo come fossero appunti universitari (http://www.skuola.net/universita). Tuttavia, il restante 60% non andrebbe tanto oltre e preferirebbe mantenere gelosamente alcuni termini per sé. Come se il suo fosse un prezioso linguaggio in codice, l’unico in grado di riunire un’intera generazione.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur