“Il professore mi ha alzato le mani”, genitore aggredisce docente. Ma figlia aveva raccontato una menzogna

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Accade a Palermo, all’uscita da scuola. Un docente è stato aggredito dal padre di una alunna di tredici anni, che inizialmente aveva raccontato al padre una versione dei fatti diversa da quanto in realtà accaduto in aula.

A riferire la notizia Palermotoday.it,

In un primo momento infatti la ragazzina avrebbe raccontato al padre che l’insegnante aveva “alzato le mani” su di lei e questo avrebbe scatenato l’ira del genitore. Costata al docente un ricovero in ospedale, con una prognosi di 25 giorni.

Solo in un secondo momento la ragazzina avrebbe raccontato la verità, e cioè l’allontanamento dall’aula in seguito ad un rimprovero.

Riportiamo le parole della Dirigente Scolastica, affidate al giornale on line

Siamo vicini al professore -e profondamente amareggiati per l’accaduto. Ci spiace che questo episodio, il primo dall’apertura della scuola risalente a 22 anni fa, possa in qualche modo segnare la serenità della comunità scolastica. Questi fatti si ripetono sempre più spesso su scala nazionale e ci preoccupa la perdita di fiducia che registriamo nei confronti del ruolo educativo della scuola. Il nostro auspicio è che si possa recuperare quella sintonia, anche con le famiglie, affinché si torni a dare centralità all’istituzione scolastica e al ruolo educativo proprio della scuola come palestra di vita per quelli che saranno i cittadini di domani“.

Marcello Pacifico (Anief): insegnanti in prima linea, chi ci Governa deve tornare a tutelarli

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione