700mila docenti in graduatorie d’istituto. Tutti docenti per vocazione?

WhatsApp
Telegram

Il numero di domande di inserimento/aggiornamento delle graduatorie di circolo e di istituto del personale docente ed educativo per il triennio 2017-2020, come abbiamo riferito, è vicino alle 700 mila unità. 

Si tratta di un numero elevatissimo, che conferma il fatto che l’insegnamento, pure essendo una delle professioni meno retribuite, è molto ambito.

Una parte dell’elevato numero di domande presentate sembra potersi attribuire alla crisi economica che ha colpito notevolmente i liberi professionisti (architetti, avvocati, ingegneri…), i quali hanno visto ridursi “all’osso” le possibilità lavorative.

Non per nulla, molti ingegneri, architetti e avvocati hanno deciso di intraprendere (o hanno già intrapreso) la professione docente, partendo proprio dall’inserimento nelle graduatorie di istituto.

In un articolo de “La nuova Sardegna – Sassari”, ad esempio, si riferisce che tra gli ingegneri iscritti all’Ordine di Sassari 110-120 su un totale di 1.100 insegnano.

Lo stesso dicasi per gli architetti della summenzionata provincia, il cui presidente dell’Ordine, Francesco De Rosa, afferma:

“Stiamo attraversando un periodo non semplice per la libera professione, anche a livello nazionale. Un problema legato ai finanziamenti pubblici che si stanno sempre più riducendo. E anche il privato, per paura della crisi, preferisce attendere periodi migliori. Così la domanda si è ridotta. E la scuola diviene una sorta di ripiego, anche se credo che i ruoli siano abbastanza completi e la mia percezione è che il fenomeno non sia in aumento– commenta De Rosa – . Si tratta comunque di una possibilità in più per chi svolgendo libera professione non trova sbocco”.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito