Prof rischia 10 giorni di sospensione per lezione sui migranti degenerata

E’ a rischio sospensione per dieci giorni la docente che riferendosi ai migranti avrebbe affermato: “rubano il lavoro agli italiani” e “delinquono più degli altri”.

L’episodio si sarebbe verificato, stando alla ricostruzione del Fatto Quotidiano, in una scuola superiore di secondo grado a Livorno. Nell’era dei social, il tutto è finito su Facebook.

La ricostruzione dei fatti

Durante una lezione sulle migrazioni, la docente avrebbe pronunciato quelle frasi, che hanno portato a una reazione di sdegno da parte di alcune alunne e alla controreplica – con tanto di saluto fascista – da parte di altri studenti e risate da parte della docente.

Una delle alunne sdegnate, figlia di un’altra docente, avrebbe riferito alla madre quanto accaduto e da qui la decisione immediata di rendere pubblico, con un post su Facebook, l’episodio.

La reazione istituzionale

La scuola si è attivata immediatamente, cercando di interpretare la faccenda come “sfuggita di mano” alla prof. La spiegazione però non è stata sufficiente a evitare la reazione dell’ufficio scolastico territoriale che a fronte degli atti ricevuti ha annunciato l’esame di una sanzione disciplinare e non ha escluso anche l’invio di un ispettore ministeriale.

Sembra che la professoressa abbia replicato solo al quotidiano il Tirreno parlando di “accuse infamanti“.

La versione della prof

Secondo quanto dichiarato dalla docente al quotidiano, la lezione sulle migrazioni aveva come obiettivo quello di mettere a confronto i pro e i contro del fenomeno migratorio. Ha negato fortemente di aver preso posizione rispetto a uno all’altro aspetto. Ha quindi negato che sia stato fatto il saluto romano e che, ormai prossima alla pensione, nella sua carriera non lo ha mai visto fare. E’ rimasta molto turbata da quanto accaduto e ha consegnato una lettera al dirigente scolastico. Lo stesso preside ha affermato che non si tratta di una docente razzista e che, probabilmente, la situazione, mal gestita, sia sfuggita di mano alla professoressa.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia