Procedura abilitante e domanda istanze online: cosa dichiarare quando si hanno più contratti nello stesso anno scolastico e nella stessa classe di concorso?

di Paolo Pizzo

item-thumbnail

In istanze online per la procedura abilitante è richiesto il requisito delle tre annualità di servizio. Forniamo qualche chiarimento.

Filomena scrive
Buongiorno, vorrei avere alcune informazioni per la compilazione della domanda su Istanze on line: – I contratti stipulati e rinnovati senza interruzioni tra l’uno e l’altro fino al termine delle attività didattiche, vanno inseriti tutti su Istanze o è possibile indicare l’intero periodo, ad esempio da ottobre a giugno?  – nell’anno scolastico 2015-2016 ho stipulato a settembre due contratti presso la stessa scuola, uno di 10 ore fino al 30 giugno, l’altro di 9 rinnovato senza interruzioni fino alla fine degli scrutini. Devo inserirli entrambi o basta indicare quello di 10 ore fino al 30 giugno? – nell’anno scolastico 2016-2017 ho sottoscritto a settembre un contratto fino al 30 giugno, ma ho preso un giorno di permesso per discutere la tesi di dottorato, il 31 marzo per la precisione. So che questo interrompe la continuità del contratto, devo quindi inserire su Istanze due periodi: fino al 30/03 e dal 1 aprile al 30/06? Grazie per la cortese attenzione. Cordiali saluti

Requisiti

Il requisito di accesso alla procedura abilitante è avere
tre annualità di servizio anche non consecutive svolte tra l’a.s. 2008/09 e l’anno scolastico 2019/20 su posto comune o di sostegno e contestualmente essere in possesso del titolo di studio valido per l’accesso alla classe di concorso richiesta (laurea di accesso o diploma per ITP).

Cosa si intende per anno di servizio specifico

Delle tre annualità un anno deve essere di servizio specifico cioè  deve essere stato svolto per la classe di concorso per la quale si concorre (ricordiamo che l’anno di servizio specifico non è richiesto per i soli docenti di ruolo nelle scuole statali).

Di seguito alcune precisazioni:

  • si considera valido il servizio prestato nell’anno scolastico di riferimento per almeno 180 giorni, anche non consecutivi, o prestato ininterrottamente dal 1° febbraio fino al termine delle operazioni di scrutinio finale (la sospensione delle lezioni dovute all’emergenza Covid-19 non interrompe il conteggio dei giorni, purché ovviamente tale periodo rientri nel contratto di nomina);
  •  le tre annualità possono essere state svolte anche presso le scuole paritarie o nei percorsi IeFP purché il relativo servizio sia stato svolto per la tipologia di posto o per gli insegnamenti riconducibili alle classi di concorso del DPR 19/2016 e successive modificazioni.
  • Il servizio, inoltre, può essere misto: es. due anni nella scuola statale e uno paritario/IeFP o viceversa;
  • i tre anni di servizio potranno essere stati svolti in ordini di scuola diversi, fermo restando l’obbligatorietà dell’anno di servizio specifico per i docenti non di ruolo (es. due anni nella primaria e uno nel grado di I o II grado richiesto).

Conclusioni

Per il quesito posto dalla collega è necessario premettere che la valutazione dei servizi si riferisce sempre all’anno scolastico di riferimento e naturalmente, essendo lei una docente non di ruolo almeno un anno lo deve necessariamente dichiarare per la classe di concorso per cui accede alla procedura abilitante.
Fatta questa premessa, in merito ai quesiti posti si precisa che:
  • va dichiarato un solo servizio per l’anno scolastico di riferimento, per cui se si hanno due servizi svolti contemporaneamente ed entrambi utili ne va dichiarato solo uno (es. quello svolto fino al 30/6);
  • ai fini della valutazione dell’anno di servizio non importano le ore di insegnamento ma esclusivamente la data di inizio e di fine del contratto:
  • il giorno di permesso non retribuito interrompe il servizio solo per quel giorno, ma non fa venire meno la valutazione dei 180 giorni richiesti considerato che è un servizio da settembre fino a giugno. In ogni caso, consiglio di inserire come indicato nel quesito, ovvero fino al 30/03 e dal 1 aprile al 30/06 perché di fatto quel giorno è fuori dalla valutazione dei giorni utili.
Invia il tuo quesito a [email protected]

Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Versione stampabile

ads ads