Problemi normativi su scrutini ed esami nelle scuole secondarie

di Lalla
ipsef

Lalla – L’USP di Cosenza pubblica un’interessante circolare sulla necessità, da parte delle scuole secondarie di I e II grado, di regolare con normativa interna i criteri per pervenire alla corretta valutazione degli alunni in sede di scrutini. L’entrata in vigore della legge 9/2009, il 16 dicembre 2009, ha creato infatti un vuoto normativo, che è necessario colmare a livello di singola istituzione scolastica, affinchè le decisioni finali dei consigli di classe abbiano fondamento giuridico.

Lalla – L’USP di Cosenza pubblica un’interessante circolare sulla necessità, da parte delle scuole secondarie di I e II grado, di regolare con normativa interna i criteri per pervenire alla corretta valutazione degli alunni in sede di scrutini. L’entrata in vigore della legge 9/2009, il 16 dicembre 2009, ha creato infatti un vuoto normativo, che è necessario colmare a livello di singola istituzione scolastica, affinchè le decisioni finali dei consigli di classe abbiano fondamento giuridico.

La necessità deriva dall’abrograzione, dal dicembre 2009, dell’art. 70 del R.D. 653/1925 secondo il quale “I voti si assegnano, su proposta dei singoli professori, in base ad un giudizio brevemente motivato desunto da un congruo numero di interrogazioni e di esercizi scritti, grafici o pratici, fatti in casa o a scuola, corretti e classificati durante il trimestre o durante l’ultimo periodo delle lezioni."

Inoltre " L’art. 4 comma 4 del DPR 8 marzo 1999, n. 275 (Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche) demanda alle scuole l’adozione di “modalità e criteri per la valutazione degli alunni, nel rispetto della normativa nazionale”.

Abrogata la norma primaria di riferimento, secondo quanto riferito nella circolare, " vanno adottate norme interne, ai sensi del su ricordato art. 4, comma 4, del DPR 275/1999, idonee a regolamentare le procedure valutative tri/quadrimestrali e finali."

La circolare

Il Regolamento sulla valutazione

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione