Priorità alla scuola: docenti punto di riferimento per i loro studenti, protestano per il ritorno in presenza

Stampa

“La lettera che la ministra Azzolina ha scritto oggi ai ragazzi (pubblicata sul quotidiano La Stampa, ndr) è molto positiva per questo vogliamo sostenerla affinché riesca a raggiungere obiettivi che sono anche i nostri, la riapertura delle scuole e maggiori fondi per l’istruzione”.

Così all’Adnkronos Cristina Tagliabue, portavoce nazionale di Priorità alla Scuola, movimento che in questi giorni sta sostenendo la protesta degli studenti che seguono le lezioni fuori da scuola per dire no alla didattica a distanza.

“Come movimento che unisce studenti, professori e famiglie – aggiunge Tagliabue – stiamo valorizzando la dignità, l’orgoglio, la professionalità dei docenti perché il fatto che degli insegnanti si uniscano alla protesta degli studenti e facciano lezione fuori da scuola è un gesto importante perché significa riportare al centro dell’attenzione il diritto all’istruzione e che i docenti sono persone di riferimento per i loro allievi”.

Azzolina scrive agli studenti: “Lasciarvi a casa è una sconfitta. Riapriremo le scuole”

Stampa

Black Friday Eurosofia, un’ampia e varia scelta di corsi d’aggiornamento pratici e di qualità con sconti imperdibili