Primaria, è possibile valutare ancora con i voti le attività in itinere? Risponde il Ministero

Stampa

Faq del Ministero sulla valutazione nella scuola primaria, che esplicitano alcuni passaggi dell’ordinanza e delle linee guida relative alle nuove modalità di formulazione del giudizio descrittivo nelle scuole primarie.

Il voto va in soffitta

Da quando? Anche nelle prove intermedie o solo nella valutazione finale? E’ possibile utilizzare ancora il voto e trasformarlo poi in giudizio formativo attraverso apposite rubriche valutative?

A queste domande risponde il Ministero, che accompagna così il passaggio al giudizio

“L’impianto valutativo dell’ordinanza e delle linee guida ha carattere formativo, pertanto la valutazione in itinere deve essere via via sempre più coerente con la valutazione di tipo descrittivo delineata dalle Linee guida, superando la scala numerica decimale.”

Pertanto

“La valutazione in itinere dovrà avere comunque carattere formativo e sarà via via coerente con la valutazione descrittiva.”

La novità è da applicare fin dalla valutazione del primo periodo (trimestre o quadrimestre, a seconda la scelta compiuta dal Collegio docenti) “I voti non possono più essere utilizzati nei documenti di valutazione a partire da quest’anno scolastico, sia per la valutazione periodica sia per la valutazione finale”

Leggi tutte le FAQ

La normativa: Ordinanza e Linee Guida 

Oggi 15 dicembre diretta del Ministero per presentare Ordinanza e Linee guida

Dalle ore 17.00 alle ore 19.00, saranno presentate, nel corso di un incontro online, l’Ordinanza e le Linee Guida per l’introduzione del giudizio descrittivo nella valutazione periodica e finale nella scuola primaria. I dettagli

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 160€!