Prevenzione della violenza a scuola: tutte le azioni da mettere in campo

di Natalia Carpanzano
ipsef

item-thumbnail

La violenza che può verificarsi in ambiente scolastico è determinata da complessi fattori sociali, organizzativi ed ambientali: non vi è dunque un’unica soluzione al problema. Ma come possiamo mettere in campo delle misure preventive efficaci e che tutelino la sicurezza del personale?

I livelli della prevenzione

La prevenzione dovrebbe essere impostata su due livelli. Il primo è sicuramente rappresentato dall’ impedire che si verifichino atti di violenza. Il secondo è fornire supporto adeguato a chi ne è vittima.

Le soluzioni preventive dovrebbero essere programmate dopo che una adeguata valutazione dei rischi è stata effettuata. Valutazione che spesso necessita del ricorso alle informazioni ottenute da, ed in collaborazione con, le forze dell’ordine.

Le soluzioni ambientali

Alcune accortezze riguardanti gli ambienti di lavoro possono risultare utili nel prevenire probabili episodi di violenza nei confronti del personale scolastico.

Ecco una check-list utile per mettere in atto soluzioni di tipo ambientale:

  1. Controllare meglio i punti di accesso al luogo di lavoro, per prevenire accessi non autorizzati
  2. Migliorare la visibilità degli ingressi alla scuola, per consentire il controllo dei visitatori
  3. Migliorare la visibilità e l’illuminazione dei locali
  4. Migliorare le misure a tutela dell’incolumità fisica (ad esempio implementare i sistemi di allarme).

Strategie comportamentali

I comportamenti hanno un grande peso nel contrasto alla violenza in ambito lavorativo e spesso rappresentano una delle soluzioni principali.

Tra i comportamenti virtuosi citiamo:

  1. Formare adeguatamente il personale sulle tecniche di riconoscimento dei segnali forieri di un potenziale comportamento violento
  2. Addestrare il personale e gli alunni alle tecniche di reazione non violenta
  3. Definire una politica di tolleranza zero che coinvolga studenti e genitori, per contrastare aggressioni verbali, intimidazioni e molestie.

I controlli amministrativi

Anche i controlli amministrativi sono parte integrante del processo di prevenzione della violenza. Tra i principali ricordiamo:

  1. Informare il personale, i genitori e gli studenti circa i loro rispettivi diritti e responsabilità
  2. Stabilire apposite procedure in caso si verifichino episodi di violenza. Tali procedure devono essere note a tutto il personale
  3. Verificare l’adeguatezza delle procedure di registrazione degli episodi verificatisi ed esaminare ad intervalli regolari tali episodi per individuare tendenze e rischi
  4. Verificare che il numero dei membri del personale sia adeguato al numero degli alunni e sufficiente ad assicurare la sicurezza del personale
  5. Accertare l’esistenza di servizi di assistenza psicologica specifici a cui ricorrere per eventuali consigli
  6. Controllare le modalità di sorveglianza dei visitatori all’interno degli ambienti scolastici.

Sensibilizzazione e collaborazione

La creazione di una rete è fondamentale nell’ottica della prevenzione. Ma quali sono gli step per crearla?

  1. Partecipare in programmi di sensibilizzazione a livello nazionale, organizzati dalle forze dell’ordine
  2. Verificare la tipologia di collaborazione tra personale scolastico, direzione, genitori, studenti, forze dell’ordine
  3. Diffondere gli esempi di buona prassi

Come minimizzare il danno in seguito ad episodi di violenza?

Come comportarsi se un episodio di violenza si verifica comunque? È fondamentale, in questo caso, aver predisposto procedure da seguire, allo scopo di impedire il ripetersi dell’episodio sulla vittima e di limitare i danni.

A tale scopo è importante che:

  1. la vittima di violenza, o chi ne sia stato testimone, venga supportato psicologicamente nelle ore successive l’evento
  2. è opportuno che la vittima benefici di un sostegno psicologico anche successivamente, nel caso di insorgenza di stress post-traumatico
  3. la vittima deve ricevere supporto nella denuncia dell’episodio
  4. gli altri colleghi devono essere informati
Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione