Presunte prove d’esame di maturità, ma sono fake news. La campagna per sconfiggerle

WhatsApp
Telegram

Anche quest’anno torna “Maturità al sicuro”, l’iniziativa promossa dalla Polizia di Stato e da Skuola.net per fornire informazioni corrette agli studenti e contrastare la diffusione di notizie false riguardanti l’esame di Stato.

Al fine di evitare possibili “bufale” sulle tracce delle prove scritte, gli esperti della Polizia postale monitoreranno attentamente il web. È importante ricordare che le tracce vengono trasmesse telematicamente solo il giorno dell’esame, quindi ogni informazione anticipata è priva di fondamento.

Un’indagine condotta da Skuola.net, circa una settimana prima della Maturità 2023, ha rivelato che il 25% degli studenti crede erroneamente di poter tenere lo smartphone durante le prove scritte. Di questi, il 5% pensa addirittura di poterlo utilizzare, rischiando di essere richiamati o penalizzati durante la correzione, senza considerare il rischio di essere esclusi dall’esame. Lo stesso vale per gli smartwatch, anche se non collegati a internet.

Un altro mito da sfatare riguarda la possibilità che la Polizia possa “intercettare” da remoto chi copia durante l’esame o che i membri della commissione possano perquisire gli studenti alla ricerca di oggetti vietati. Queste informazioni non sono vere: la commissione d’esame ha il solo diritto di escludere i candidati colti in flagranza di copiatura.

Tra le notizie che circolano a pochi giorni dagli esami, una delle più diffuse riguarda la prova di italiano. L’80% dei maturandi intervistati crede erroneamente che le tracce possano essere trovate online in anticipo, e il 16% di questi è convinto che gli argomenti vengano diffusi prima dell’esame, cercando così di ottenere un vantaggio poche ore prima della campanella.

La Polizia di Stato sottolinea l’importanza di affrontare l’esame di maturità con serenità e concentrazione. Le false informazioni, al contrario, possono distrarre e compromettere uno dei momenti più significativi della vita scolastica.

Per rafforzare il messaggio rivolto ai giovani, è stato realizzato un video in collaborazione con lo youtuber Nikolais, che illustra il lavoro della Polizia postale nell’assicurare il pieno rispetto delle regole durante l’esame di maturità. Il video sarà diffuso sui canali social della Polizia di Stato e di Skuola.net. Inoltre, anche quest’anno, sul sito www.commissariatodips.it gli agenti della Polizia postale saranno a disposizione degli studenti per rispondere a dubbi e domande, oltre a partecipare alla tradizionale diretta su Skuola.net nella vigilia del primo giorno d’esame, fornendo sostegno e augurando buona fortuna a tutti i partecipanti all’esame di Stato 2023.

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA