Presunta discriminazione docente Brescia, USR Lombardia: dirigente ha operato correttamente

Stampa

Nei giorni scorsi, i media hanno diffuso la notizia di una docente che sarebbe stata invitata a non accettare un incarico di supplenza, presso un istituto agrario di Brescia, a causa del suo aspetto fisico. La docente in questione presenta una palpebra semichiusa e i muscoli del viso non funzionano come dovrebbero. 

Nei giorni scorsi, i media hanno diffuso la notizia di una docente che sarebbe stata invitata a non accettare un incarico di supplenza, presso un istituto agrario di Brescia, a causa del suo aspetto fisico. La docente in questione presenta una palpebra semichiusa e i muscoli del viso non funzionano come dovrebbero. 

Terminata la sua esperienza nel suddetto istituto, la docente ha partecipato alle prove scritte del concorso docenti in atto (in Piemonte), ritrovandosi come presidente di commissione lo stesso dirigente che le aveva rivolto l'invito a rinunciare alla supplenza. Non avendo superato la prova scritta, l'insegnante ha deciso di rivolgersi al Ministro. Da qui sono iniziate le indagini dal parte dell'USR Lombardia riguardo ai fatti attinenti alla supplenza.

Riceviamo, in data odierna, e pubblichiamo un comunicato stampa dell'USR Lombardia riguardante i fatti sopra citati.

"A seguito di attenta analisi della dettagliata e documentata relazione del dirigente scolastico professor Augusto Belluzzo, ricevuta ieri, emerge lacorrettezza dell’operato dello stesso. Il dirigente, con significativa e pregressa esperienza in tema di inclusività della scuola, ha garantito il buonandamento dell’azione amministrativa.

Questo ufficio ha verificato la correttezza formale e sostanziale sia in riferimentoal conferimento della supplenza (cui la docente ha rinunciato per sopraggiunti motivi familiari) sia in merito alla procedura concorsuale, nella quale sonostate garantite pari opportunità a tutti i candidati. A ulteriore garanzia, è stato assegnato un incarico ispettivo ad un dirigente tecnico che nellagiornata odierna effettuerà un’indagine aggiuntiva documentale presso la scuola.

Sono orgogliosa di come il caso confermi ancora una volta la correttezza della Scuola anche in tema di inclusività eaccoglienza” ha dichiarato il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico per la Lombardia Delia Campanelli."

 Ufficio stampa

Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia
Email: [email protected]

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur