Presidi incaricati, il CODACONS ricorre

di redazione
ipsef

red – "Basta subire abusi dal MIUR", si legge sul comunicato. Il ricorso si pone come obiettivo il riconoscimento dei diritti maturati in termini di ricostruzione della carriera, oltre che aspetti retributivi e previdenziale

red – "Basta subire abusi dal MIUR", si legge sul comunicato. Il ricorso si pone come obiettivo il riconoscimento dei diritti maturati in termini di ricostruzione della carriera, oltre che aspetti retributivi e previdenziale

"Con l’ultimo bando di concorso – continua il comunicato – per il reclutamento dei dirigenti scolastici il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha dimostrato di aver dimenticato, o di non prestare affatto attenzione, ai tantissimi Presidi Incaricati."

Ricordiamo che i Presidi incaricati hanno ricoperto per anni le carenze di personale dirigente nelle scuole; una situazione che, secondo il CODACONS, contrasta "con l’ordinamento giuridico vigente, per come interpretato dalla giurisprudenza in armonia con il diritto comunitario che impongono la conversione dei contratti a tempo reiterati per trentasei mesi e/o l’organizzazione del reclutamento secondo il principio della non discriminazione e del non abuso del contratto a tempo, nonchè del riconoscimento di tutti i diritti connessi alle mansioni svolte".

Strada già percorsa con successo dai precari e che il CODACONS proverà anche per i presidi incaricati, chiedendo "la conversione degli incarichi in contratti a tempo indeterminato,con conseguente ricostruzione della carriera ai fini previdenziali, pensionistici, di anzianità e retributivi,e condanna della P.A. al pagamento delle differenze retributive, anche a titolo di risarcimento del danno complessivamente subito, ivi compreso il danno non patrimoniale."

Per aderire al ricorso l’associazione mette a disposizione un indirizzo [email protected] attraverso il quale ricevere la modulistica e le istruzioni per il ricorso.

Versione stampabile
anief
soloformazione