Preside lascia scuola: mamme in minigonna si lamentano per figlie bullizzate

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Una preside lascia la scuola dopo anni di servizio, con una lunga lettera di congedo e parole pesanti verso alcuni genitori e mamme. La dirigente potrebbe non avere accettato le critiche che le erano state mosse negli anni in cui dirigeva l’istituto scolastico. A riportare la notizia è Leggo.

“Quello a cui assistiamo è una grande confusione di ruoli, e incertezze da cui discendono inutili conflittualità – scrive la dirigente scolastica – Quello che la normativa non può analiticamente prevedere, e raramente assurge a situazioni tanto eclatanti da dar luogo a una specifica giurisprudenza (docenti malmenati, genitori sindacalisti dei propri figli fino alla violenza fisica) resta confinato nel magmatico territorio del buonsenso”. Un lungo sfogo accompagna la preside uscente, a denuncia di quanto vissuto durante gli anni di servizio svolto, spesso a contatto con genitori che difendono i propri figli sconfinando talvolta nella violenza fisica. Un fatto che però è comune a diversi docenti e dirigenti, se si pensa ai tanti episodi di violenza, cui si sono rese protagoniste le scuole in questi anni.

Rivolgendosi poi direttamente ai genitori degli alunni, la preside rincara la dose: “I simpatici promotori di chat di classe, che appena costituito il gruppo cominciano ad azzannarsi tra loro con turpiloquio e minacce, perché si lamentano quando poi tra i figli si producono episodi di violenza e bullismo?”, collegando quindi lo stretto rapporto che intercorre tra i comportamenti dei genitori con quelli che poi utilizzano i propri figli a scuola.

Ma l’attacco ancora più duro arriva per le mamme e il loro abbigliamento: “Le signore agée che divorate dal loro demonio meridiano, e non avendo mai trovato miglior palcoscenico, esordiscono cercando visibilità in minigonna e calze a rete perché si lamentano poi se le figlie, non proprio silfidi, vengono sbeffeggiate dai compagni di classe?”.

I genitori

Altrettanto dura è stata la reazione di alcuni genitori nei confronti delle parole della preside, che su Facebook, ricordando il suo operato, scrivono: “Che la signora si esprima sulle questioni relazionali quando è stata sempre la prima a non saperle gestire, ci sembra piuttosto triste”.

C’è invece chi ha soltanto voglia di voltare pagina per mettere fine ai tanti anni di rapporti non sereni con la dirigente, lasciando intendere che sia un bene chiudere il capitolo e guardare oltre.

Il finale della lettera

Alla fine della lettera la preside ricorda anche il rapporto buono creatosi con alcuni genitori: “Alcune mamme, carissime tra le care, mi hanno augurato di trovare in futuro un ambiente meno ostile”, anche se poi riprende la linea polemica scrivendo che “un dirigente troppo amato è spesso qualcuno che ha lasciato riposare quei tutti nelle loro comodità e cattive abitudini”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione