Preside di un istituto di Roma a processo per non aver denunciato atti di bullismo omofobi nella sua scuola

di redazione
ipsef

Otto studenti sono stai denunciati alla procura dei mminori per atti di bullismo e cinque di loro sono stati rinviati a giudizio. 

Otto studenti sono stai denunciati alla procura dei mminori per atti di bullismo e cinque di loro sono stati rinviati a giudizio. 
L'accusa è di aver vessato, discriminato e deriso uno studente perché considerato gay. La preside dell'istituto della provincia di Roma, dove si sono svolti i fatti, è accusata di omissioni di atti d'ufficio , per non avere denunciato il fatto e sta affrontando un processo, iniziato ieri. 

I bulli avevano anche creato un gruppo su whatsapp, dove deridevano il compagno, non mancavano scherzi e un clima ostile.

La preside si difende dalle accuse affermando di essere venuta a conoscenza dei fatti dai genitori della vittima e di non aver segnalato la vicenda, perché i genitori avevano già assicurato la loro denuncia.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare