Presepe a scuola ‘attuale’: no immagini sacre, sì a migranti su barconi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Via le immagini sacre dal presepe in una scuola di Prato: al loro posto i migranti sui barconi per ‘attualizzare’ il messaggio del Natale.

Sicuramente non passerà inosservato e non resterà privo di critiche, ma il presepe voluto dal dirigente scolastico Marco Fedi è senza dubbio un’idea totalmente nuova e originale.

Meglio qualcosa che faccia riflettere e quindi crescere e maturare i nostri ragazzi come individui e cittadini, piuttosto che passare con indifferenza davanti a ciò che rischia di essere a volte una semplice e rituale decorazione natalizia. Questa iniziativa evidenzia come lo spirito cristiano della solidarietà, della condivisione e dell’accoglienza sposi perfettamente quello, analogo, sancito dalla nostra Costituzione, nella quale anche la scuola pubblica affonda le radici” ha spiegato il preside a La Nazione.

Nel presepe ‘attuale’ realizzato nelle scuola Convenevole non ci sono soltanto i migranti: presenti nel cielo anche le immagini di Liliana Segre, dei tre pompieri morti recentemente ad Alessandria e del carabiniere ucciso a Roma pochi mesi fa.

La volontà è quella di far riflettere sul tema dell’accoglienza, per capire se i ragazzi di oggi sono disposti ad accogliere o meno” ha detto una docente dell’istituto, spiegando che il Natale è proprio l’occasione adatta per invitare i ragazzi alla riflessione.

E proprio di recente Papa Francesco ha invitato a realizzare il presepe nelle scuole, senza tuttavia strumentalizzarlo.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione