Presentazione domanda partecipazione al concorso: chi ricorda la data di un titolo conseguito 12 anni fa?

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

Lalla – Uno dei problemi segnalati in questi giorni, e che ha sicuramente influenzato il mancato definitivo inoltro delle molte domande inserite a sistema ma non inoltrate per la partecipazione al concorso, è la difficoltà per alcune categorie di personale, di reperire con esattezza il giorno esatto in cui l’abilitazione o il diploma sono stati conseguiti.

Lalla – Uno dei problemi segnalati in questi giorni, e che ha sicuramente influenzato il mancato definitivo inoltro delle molte domande inserite a sistema ma non inoltrate per la partecipazione al concorso, è la difficoltà per alcune categorie di personale, di reperire con esattezza il giorno esatto in cui l’abilitazione o il diploma sono stati conseguiti.

Ci riferiamo in particolare al personale che accede al concorso con l’abilitazione conseguita con i concorsi svolti tra il 1999 e il 200. Nei certificati di abilitazione rilasciati dagli USR non compare infatti il giorno esatto del conseguimento individuale dell’abilitazione, bensì il decreto in base al quale essa è stata conseguita.

Lo stesso per i diplomi che permettono l’accesso al concorso per scuola di infanzia e primaria. I certificati riportano l’a.s. di conseguimento del diploma, ma non la data esatta in cui ciascuno ha svolto la prova orale dinanzi alla commissione.

Pertanto, inserire con esattezza il giorno richiesto in molti casi risulta impossibile. D’altro canto si consideri che l’inserimento della data esatta non ha alcun effetto ai fini della presentazione della domanda nel caso di titolo di accesso con abilitazione o diplomi, per cui potrebbe essere sufficiente inserire ad es. il decreto di indizione del concorso o corso svolto.

La data esatta è invece determinante (ma riteniamo che su questo punto non vi siano problemi) per l’accesso al concorso con la laurea, in quanto possono partecipare al concorso per la scuola secondaria di I e II grado

a) i candidati che alla data del 22 giugno 1999 (data di entrata in vigore del citato decreto interministeriale) erano già in possesso di un titolo di laurea ovvero di un titolo di diploma conseguito presso le accademie di belle arti e gli istituti superiori per le industrie artistiche, i conservatori e gli istituti musicali pareggiati, gli ISEF , che alla stessa data consentivano l’ammissione ai concorsi per titoli ed esami per il reclutamento del personale docente;

b) i candidati che abbia conseguito i titoli di cui alla precedente lettera a) entro l’anno accademico 2001-2002, se si tratta di corso di studi quadriennale o inferiore; entro l’anno accademico 2002- 2003, se si tratta di corso di studi quinquennale, nonché i candidati che abbiano conseguito i diplomi di cui alla lettera a) entro l’anno in cui si sia concluso il periodo prescritto dal relativo piano di studi a decorrere dall’anno accademico 1998-1999;

Ci auguriamo che tra le prossime FAQ il Ministero dia un’indicazione sul modo in cui compilare con esattezza i campi relativi al conseguimento del titolo.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito