Presentato un ddl per istituire la figura dello psicologo nelle scuole

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Questa legislatura è stata molto proficua sul tema della scuola. Abbiamo fatto passi enormi dopo anni di tagli e mortificazioni, penso alla legge sulla buona scuola, ai nuovi concorsi, ai miliardi investiti per l’edilizia scolastica. Sarebbe molto importante che il Governo riuscisse ad aprire una riflessione anche sullo psicologo a scuola perché l’Italia è rimasta il solo Paese europeo a non prevedere l’istituzione di questa figura fondamentale”.

Lo afferma la senatrice del Pd Laura Fasiolo che ha presentato un ddl proprio su questo tema e che oggi ha organizzato un convegno presso la Sala degli atti parlamentari della Biblioteca del Senato, dal titolo “Giovani a misura di futuro: perché lo psicologo della scuola”.

All’incontro ha partecipato anche il presidente dell’Ordine degli Psicologi, Fulvio Giardina. “In anni così delicati servirebbe una ‘spia’ del disagio o di patologie potenziali, un supporto a contrasto del fenomeno del cyberbullismo, un punto di riferimento per l’adolescente. Docenti e genitori hanno bisogno di riconoscere e gestire con competenza, grazie ad aiuti indispensabili di professionisti, i problemi affettivi, relazionali, comportamentali, cognitivi del complesso fenomeno adolescenziale. Partendo dall’assunto che i docenti, quantunque formati e specializzati, non sono più sufficienti a dare da soli risposte ai bisogni emergenti e che anche le buone pratiche diffuse in Italia e che in alcune regioni toccano punte di eccellenza non possono bastare – conclude Fasiolo – si ravvisa il bisogno di una normativa che regoli l’istituzione della figura dello psicologo”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione