Presentata la 10a edizione di “Primi in sicurezza – Premio Emilio Rossini”

di Lalla
ipsef

Ufficio Stampa Primi in Sicurezza – E’ stata presentata nella mattinata di lunedì 19 dicembre presso l’ISIS "G. Natta" di Bergamo la 10a edizione di "Primi in sicurezza-Premio Emilio Rossini". L’iniziativa si rivolge alle scuole di ogni ordine e grado di tutta Italia ed è promossa e sostenuta da Rossini Trading, ANMIL e il mensile per la scuola Okay! allo scopo di diffondere tra i giovani una rinnovata consapevolezza in materia di prevenzione incidenti sul lavoro e morti bianche.

Ufficio Stampa Primi in Sicurezza – E’ stata presentata nella mattinata di lunedì 19 dicembre presso l’ISIS "G. Natta" di Bergamo la 10a edizione di "Primi in sicurezza-Premio Emilio Rossini". L’iniziativa si rivolge alle scuole di ogni ordine e grado di tutta Italia ed è promossa e sostenuta da Rossini Trading, ANMIL e il mensile per la scuola Okay! allo scopo di diffondere tra i giovani una rinnovata consapevolezza in materia di prevenzione incidenti sul lavoro e morti bianche.

Presenti alla conferenza stampa di presentazione Maria Amodeo Dirigente ISIS Natta, Franco Bettoni Presidente Nazionale ANMIL, Luigi Feliciani Presidente ANMIL Bergamo, Marco Rossini Presidente e Amministratore Delegato di Rossini Trading, Roberto Alborghetti Direttore di OKAY! e Giuseppe Poeta Paccati, docente dell’ISIS Natta.


“PRIMI IN SICUREZZA – Premio Emilio Rossini –” 2011/2012

“Ricominciare da… 10!” per ridurre al minimo il rischio di incidenti e di infortuni sul lavoro. E per il decennale sarà allestita una mostra con i lavori più significativi raccolti dal 2002 ad oggi.

La decima edizione di “Primi in sicurezza – Premio Emilio Rossini” riparte con un nuovo slogan e nuove idee, senza però perdere di vista l’obiettivo principale che da sempre contraddistingue l’iniziativa: preparare i giovani ad un futuro in totale sicurezza e ridurre al minimo il rischio di incidenti sul lavoro.

Ed è proprio per questo motivo che l’edizione di quest’anno è stata presentata presso la sede dell’ISIS “G. Natta” di Bergamo. L’auditorium dell’istituto scolastico ha riunito per l’occasione i rappresentanti degli studenti degli istituti superiori bergamaschi, che hanno così vestito i panni di “ambasciatori della sicurezza”, diffondendo il messaggio ai loro coetanei.

Nel corso dell’incontro sono stati presentati filmati ed iniziative didattiche legati al tema della sicurezza realizzati dagli studenti dell’istituto superiore teatro della presentazione. Tra questi la prima edizione di “Learning from accidents”, progetto che invita gli studenti ad indagare e studiare le cause che hanno provocato incidenti e catastrofi in Italia e nel mondo negli ultimi anni, tra cui quelli accaduti in ambito lavorativo.

“Primi in sicurezza”, promosso da Rossini Trading in collaborazione con ANMIL e il mensile per la scuola Okay!, inaugura così il decennale dell’iniziativa e per l’edizione di quest’anno invita gli alunni delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo e secondo grado di tutta Italia a confrontarsi sul tema “Ricominciare da… 10”.

Il lavoro sicuro, infatti, merita una prevenzione da… dieci e lode. Ma non solo. Pretende almeno dieci buoni e validi motivi per rispettare regole e normative sul posto di lavoro. Ed è proprio il numero dieci il filo conduttore all’edizione 2011/12, un numero che, proprio per le sue valenze e i suoi molteplici significati in ambito storico e sociologico, vuole essere il punto di partenza per stimolare la riflessione sul tema della prevenzione degli incidenti sul lavoro e delle morti bianche.

Ma le novità non finiscono qui. Per festeggiare nel migliore dei modi il decennale verrà organizzata presso la sede di Rossini Trading una giornata speciale dedicata agli elaborati giunti in questi anni. Una piccola “vetrina” di idee e di esperienze, che vedranno protagonisti bambini, ragazzi e giovani. Perché “Primi in Sicurezza” è sinonimo di futuro.

«In questo decennio – ha dichiarato Marco Rossini, presidente e amministratore delegato di Rossini Trading – “Primi in Sicurezza” è sempre stata accolta e seguita con grande partecipazione e consenso dalle massime istituzioni, che ringraziamo vivamente. Ci auguriamo che quest’anno l’adesione delle scuole si intensifichi ulteriormente, come segno concreto di condivisione del nostro progetto. In questo modo docenti, allievi e famiglie potranno contribuire ad un importante progetto educativo e pedagogico, esprimendo impegno, creatività, bravura, immaginazione e collaborazione».

I mezzi di cui gli studenti potranno avvalersi per partecipare a questa decima edizione di “Primi in sicurezza” sono tra i più disparati: testi, ricerche, sondaggi, disegni, cartelloni, fotografie, pubblicazioni sul giornale della scuola, spot promozionali, video, cd-rom e giochi di società sono solo alcuni dei mezzi attraverso i quali affrontare il tema della sicurezza. In questo modo gli studenti potranno, ad esempio, effettuare ricerche e raccogliere notizie sugli incidenti sul lavoro accaduti negli ultimi dieci anni, realizzare interviste a persone vittime di incidenti sul lavoro ed indagare sule cause che hanno portato a tali incidenti, dare libero sfogo alla propria creatività creando un originale ed efficace spot oppure disegnare e colorare magliette e cappellini portatori di un messaggio di forte impatto.

I lavori dovranno essere inviati alla redazione di Okay!, presso Casa M. E. Mazza, via Nullo 48, 24128 Bergamo, entro il 15 marzo 2012. La cerimonia di premiazione, in programma a maggio 2011, oltre a rappresentare un momento di festa e aggregazione per le centinaia di alunni partecipanti, sarà l’occasione per ricordare la storia umana e professionale di Emilio Rossini, imprenditore che, partito dalla gavetta, ha saputo costruire – con il suo impegno nel settore specifico dei prodotti antinfortunistici – una nuova “cultura del lavoro e della prevenzione”. Nel corso della manifestazione conclusiva verranno consegnate quattro medaglie del Presidente della Repubblica e saranno attribuiti dei premi speciali alle scuole particolarmente meritevoli.

L’iniziativa è stata proposta alle scuole di tutta Italia per la prima volta nell’anno scolastico 2002/2003, attraverso la rivista "Okay!" e con il sostegno di ANMIL, l’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi del Lavoro, e da allora ha riscosso un grande successo di partecipazione.

“Primi in sicurezza” ha finora coinvolto circa 2.900 scuole e più di 1.000.000 di alunni, rendendo i giovani consapevoli sul tema della prevenzione degli infortuni sul lavoro. Le creazioni degli studenti hanno dimostrato, nel corso delle edizioni, una grande sensibilità, raggiungendo esiti inaspettati sia sul piano didattico sia per presa di coscienza individuale e collettiva. I lavori pervenuti in questi anni hanno dimostrato piena consapevolezza sul tema, a dimostrazione del raggiungimento di un alto livello sociale e pedagogico. Un risultato che pone “Primi in sicurezza” all’avanguardia in Italia e in Europa nella promozione di una nuova etica negli ambienti di lavoro. A partire dal mondo della scuola.

Grazie al suo grande valore sociale, l’iniziativa si è guadagnata il patrocinio della Commissione Europea, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, del Consiglio Regionale della Lombardia, della Provincia di Bergamo, del Prefetto di Bergamo, dell’Ufficio Scolastico Provinciale, del Comune di Bergamo, di Confindustria Bergamo, della Camera di Commercio di Bergamo, di Sistema Moda Italia, dell’Associazione Carabinieri in Servizio Pastrengo, di AssoSic (Associazione italiana fabbricanti e commercianti prodotti antinfortunistici) e dell’AIPAA (Associazione Italiana per l’Anticaduta e l’Antinfortunistica).

Per informazioni sull’iniziativa, è possibile consultare i siti Internet.

www.priminsicurezza.it – www.rossinitrading.it – www.anmil.it – www.scuolaokay.org

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione