Prescrizione contributi pensioni, INPS invia estratto ad alcuni insegnanti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Nell’ultima riunione con i sindacati, avvenuta giovedì 18 ottobre, l’INPS ha comunicato di aver avviato una task force di 100 unità, operativa nella sede centrale, con il compito di correggere le posizioni assicurative dei dipendenti del pubblico impiego.

Alcuni insegnanti stanno ricevendo estratto conto contributivo

L’INPS ha informato che sta provvedendo d inviare gli estratti contributivi a tutti coloro che hanno l’iscrizione nelle casse pensioni insegnanti CPI. per consentire loro di fare i necessari controlli ed effettuare le relative modifiche evitando, in tal modo, che si abbia una eventuale prescrizione contributiva.

Si tratta degli insegnanti iscritti alla Cassa Pensioni Insegnanti, ossia insegnanti delle scuole primarie paritarie (pubbliche e private), gli insegnanti degli asili eretti in enti morali e delle scuole dell’infanzia comunali.

Verifica entro 31 dicembre 2018

Gli insegnanti interessati dovranno effettuare le dovute verifiche entro il 31 dicembre 2018.

Tutte le organizzazioni sindacali presenti hanno insistito sul fatto che, in uno spirito di collaborazione, sarebbe opportuno ed indispensabile differire la data di prescrizione dei contributi non presenti, attualmente fissata al 1° gennaio 2019, ad altra data, per consentire agli iscritti alle casse CPI di avere un tempo sufficiente, dal ricevimento dell’estratto, per sistemare i periodi mancanti, prospettando un rinvio di almeno un anno. Su tale proposta, l’Inps non si è mostrata pregiudizialmente contraria, ma dovrà discuterne anche col ministero del lavoro.

La Uil Scuola, oltre che ritenere indispensabile un rinvio della data di prescrizione contributiva, sostiene che sia opportuno che, nel caso in cui non sono presenti nell’estratto contributivo periodi di servizio effettuati nelle scuole statali entro il 31.12.1987, debba essere l’amministrazione a farsi carico della copertura degli stessi, così come avviene per i servizi dal 1° gennaio 1988 in poi, anziché chiedere il riscatto degli stessi ai lavoratori interessati.

Estratto Conto Contributivo

L’Estratto conto, come leggiamo sul sito dell’Inps, riporta i dati anagrafici del lavoratore e, riassunti in una tabella, i  versamenti previdenziali  suddivisi in:

  • periodo di riferimento;
  • tipologia di contributi (da lavoro dipendente, artigiano, commerciate, servizio militare ecc.);
  • contributi utili espressi in giorni, settimane o mesi, sia per il calcolo della pensione che per il raggiungimento del diritto;
  • retribuzione o reddito;
  • riferimenti del datore di lavoro;
  • eventuali note riportate alla fine dell’Estratto.

Prescrizione contributi pensioni, chi è obbligato a verificare entro 31 dicembre 2018

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione