Docenti o ATA che non hanno preso servizio nella data indicata, i casi in cui possono ancora rimediare

Stampa

Come comportarsi con il personale docente e ATA che non ha preso servizio nella data indicata? Quanto tempo concedere per mettersi in regola? Dato il numero elevato di assunzioni, l’argomento diventa di stretta attualità e non è legato solo all’eventuale possesso del green pass ma anche all’incompatibilità con altre attività lavorative.

La presa di servizio

Ne parliamo ormai da parecchi giorni, è l’adempimento che “introduce” il neoimmesso in ruolo a sistema.

Se il docente o ATA non prende servizio, cosa accade?

Se il personale neoimmesso in ruolo ha trasmesso alla scuola di titolarità una documentazione valida per rimandare l’adempimento, la presa di servizio effettiva avverrà al termine del periodo indicato. In questo caso la nomina avrà effetto giuridico dal 1° settembre 2021 ed economico dall’effettiva firma della presa di servizio.

Se invece non c’è tale documentazione, a spiegare cosa accade è  l’Ufficio Scolastico di Foggia in riferimento alle nomine da GPS finalizzate al ruolo

Qualora il docente neo-immesso in ruolo non prenda servizio, l’Istituzione scolastica dovrà diffidare l’interessato ad assumere servizio entro un termine ragionevole. Qualora il termine scada e il docente non abbia assunto servizio, l’Istituzione scolastica dovrà decretare la decadenza dall’impiego del docente e darne tempestiva comunicazione a quest’Ufficio, che cancellerà dal SIDI l’immissione in ruolo.”

Come quantificare questo lasso di tempo entro il quale prendere servizio?

Secondo l’USR Sicilia il termine deve essere “entro un breve termine (es. tre giorni)” con la precisazione che in caso mancato adempimento alla diffida si procederà con la risoluzione del rapporto di lavoro.

Consigliamo ai nostri lettori di leggere con attenzione la nota diramata già il 23 agosto scorso da USR Sicilia per la presa di servizio, in particolare per l’eventuale incompatibilità con un’altra attività lavorativa.

Presa di servizio docenti e ATA 1 settembre, si deve essere liberi da precedenti rapporti di lavoro

Chiarimenti Ufficio Scolastico di Siena per accettare differimento presa di servizio

“la sua operatività va limitata ai casi tassativamente individuati dal legislatore (artt. 436 e 560, d.lgs. 297/1994).

Si precisa inoltre che, la valutazione di un idoneo e giustificato motivo per il differimento della presa di servizio è di competenza del dirigente scolastico e gli eventuali provvedimenti di accoglimento potrebbero essere oggetto di controllo successivo del MEF. In assenza di motivazioni
legittimanti il differimento (es. differimento per l’intero anno scolastico per altra attività lavorativa) da tali controlli potrebbero emergere profili di non regolarità amministrativo-contabile. Infatti, diversamente opinando, tale istituto diverrebbe strumento per aggirare il regime delle incompatibilità di legge con conseguente illegittimità del relativo contratto di assunzione” Nota

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione