Premio “Giovani Traduttori” per studenti delle scuole superiori

di redazione

item-thumbnail

Conoscere le lingue è indispensabile per trovare lavoro. Specialmente le aziende che mirano a rafforzare la presenza sui mercati esteri o ad attrarre utenti stranieri cercano giovani che sappiano parlare più lingue.

Eppure si tratta di competenze introvabili. Basti pensare che nella rilevazione Excelsior di Unioncamere (settembre 2017) si dice che ogni 10 imprese che cercano laureati nel settore linguistico, ben 7 hanno difficoltà a trovarli. Ma c’è di più: da quella rilevazione emerge che sono proprio gli interpreti e i traduttori laureati le figure più rari da trovare (qui i dati sui profili professionali più ricercati .

Per questo sulle lingue serve un buon orientamento al lavoro nelle scuole, per far capire a studenti e studentesse che sono competenze molto spendibili in una futura ottica lavorativa. Su questo tema abbiamo già scritto in passato, anche ricorrendo a strumenti come il cinema o la letteratura per far appassionare i giovani alle diverse professioni: la lettura del racconto dello scrittore Michele Mari, La freccia nera, ci era allora tornata utile per discutere proprio la figura professionale del traduttore.

Anche la partecipazione a premi e concorsi è un modo interessante per orientare studenti e studentesse al lavoro. Oggi vogliamo segnalarvi l’iniziativa Juvenes Translatores, concorso di traduzione dedicato agli studenti delle scuole secondarie dell’Unione Europea. Promosso dalla Direzione Generale della Traduzione della Commissione Europea, il premio coinvolgerà 73 scuole italiane (tante quanti sono i nostri parlamentari europei) estratte a sorte tra quelle che avranno presentato domanda di ammissione. Per ogni scuola sorteggiata potranno partecipare al concorso da 2 a 5 studenti e studentesse nati dal 2001 in poi.

Alla fine del percorso verranno selezionati 28 studenti che saranno poi invitati, a spese della Commissione, alla cerimonia di premiazione che si terrà a Bruxelles, con un docente e un accompagnatore adulto. Si può partecipare entro le ore 12:00 del 20 ottobre 2018. Qui tutte le informazioni sul bando e sull’iniziativa.

Versione stampabile
Argomenti: