Premiazione Giusti a Milano, altamente educativa la partecipazione degli studenti. Lettera

WhatsApp
Telegram

Al Monte Stella a Milano vi è una cerimonia indetta da Gariwo  durante la quale vengono scoperte cinque targhe a memoria di cinque nuovi Giusti: Lassana Bathily e Mohamed Ben Abdesslem, due musulmani che hanno avuto il coraggio di salvare ebrei e cristiani dalla furia omicida dei terroristi, Raif Badawi, il blogger saudita simbolo della lotta per una società libera e attualmente in carcere,  Pinar Selek, l’attivista turca che si batte per i diritti delle minoranze, ed Etty Hillesum, la giovane ebrea che non volle cedere all’odio neppure di fronte al male estremo, anzi ebbe per i suoi carnefici uno sguardo totale di perdono.

E’ una cerimonia toccante, commovente, durante la quale Lassana Bathily, Mohamed Ben Abdesslem e Pinar Selek prendono la parola e brevemente raccontano la loro lotta contro il male e la discriminazione che ancor oggi viene fatta nei confronti degli esseri umani. Raif Badawi viene ricordato da un rappresentante di Amnesty International e Etty Hillesum in modo coinvolgente da Klaas Smelik, direttore del Centro ricerche Etty Hillesum Middelburg, che ha raccolto il testimone del suo messaggio di pace.

Ma ciò che è ancor più commovente è che questa cerimonia vede una numerosa e sentita partecipazione di giovani provenienti dalle scuole milanesi e della provincia. E’ questo il segno di speranza che la memoria dei Giusti imprime dentro un tempo in cui sembra che ritorni a vincere il male, che tanti giovani vedano nell’altro non un nemico non un avversario non un ostacolo alla propria libertà, ma una ricchezza umana che entra dentro il proprio orizzonte e lo allarga in modo affascinante.

Un gesto come quello di questa mattina lascia il segno più di tante parole, aver davanti persone che oggi come ieri hanno affermato il valore dell’altro fino a rischiare la vita è educativo più di tanti discorsi, questo mi commuove oggi al Giardino dei Giusti, che come diceva Hannah Arendt il bene è più radicale del male, è attaccato alle radici della vita e vince su ogni orrore della storia.
E perchè il bene vinca non si deve essere super eroi, basta semplicemente essere uomini!

Gianni Mereghetti

Insegnante

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur