Premi in denaro ad alunni meritevoli, ScuolaZoo: studenti dubbiosi sulla correttezza di tale modalità

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato ScuolaZoo – E’ giusto premiare in denaro gli studenti più meritevoli? Questa la domanda che ScuolaZoo ha posto ai suoi RIS – Rappresentanti d’Istituto ScuolaZoo – in seguito all’iniziativa adottata dall’Istituto tecnico Buonarroti-Fossombroni di Arezzo che ha deciso di premiare con una ricompensa in denaro gli studenti con media superiore al 7,3 e almeno 9 in condotta a fine primo Quadrimestre.

La questione ha generato un acceso dibattito fra i ragazzi: nessuno si è sentito di opporsi totalmente, ma in molti hanno espresso delle riserve a riguardo. Il principale timore è che i meccanismi di premiazione possano innescare una competizione non sana fra ragazzi e che potenzialmente possa essere un elemento a favore dell’intensificazione di casi di bullismo nei confronti di quei ragazzi con voti alti.

Altri dubbi riguardano la metodologia di valutazione: è davvero la media dei voti che rende più o meno meritevole uno studente o anche il suo impegno extrascolastico sociale e/o civico?

Nonostante un premio fra i 100 ai 150 euro sia indubbiamente accattivamente per un ragazzo, la Community ha mostrato grande maturità, interrogandosi sulle modalità più adatyte per spronare l’impegno, senza scadere nell’ovvio e nella semplificazione.

Forse oggi sono stati gli studenti ad essere di esempio per i professori?

Un istituto di Arezzo premia gli studenti meritevoli pagandoli

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione