Premi ai docenti meritevoli, ma con quali criteri?

di redazione
ipsef

L'articolo 11 del DDL pubblicato questa mattina dopo le 7 dalla nostra testata giornalistica, prevede la premialità per i docenti con uno stanziamento di 200milioni di euro.

L'articolo 11 del DDL pubblicato questa mattina dopo le 7 dalla nostra testata giornalistica, prevede la premialità per i docenti con uno stanziamento di 200milioni di euro.

Si tratta di sodi già disponibili e che Renzi ha specificato essere parte di quel miliardo stanziato nella legge di stabilità, che diventano 3 dal prossimo anno, per finanziare la riforma.

A dare i premi sarà il Dirigente, sentiti gli organi collegiali, ma con quali criteri?

Saranno premiate le figure di sistema? 3 massimo per ogni istituzion escolastica o riguarderà tutti i docenti?

Il ministero è stato svelato ieri sera dallo stesso Renzi, durante la conferenza stampa seguita al Consiglio dei Ministri.

Nel testo del ddl leggiamo che i premi saranno dati "sulla base della valutazione dell’attività didattica in ragione dei risultati ottenuti in termini di qualità dell’insegnamento, di rendimento scolastico degli alunni e degli studenti, di progettualità nella metodologia didattica utilizzata, di innovatività e di contributo al miglioramento complessivo della scuola".

Ieri, Renzi ha aggiunto anche qualche altro particolare, infatti sarà il dirigente a scegliere le modalità con le quali dividere i premi, se, ad esempio a singoli docenti, se al team, se ai progetti.

Una materia che dovrà ancora essere scritta nei dettagli.

Restano scatti anzianità, 200mln per merito. Decidono i dirigenti chi guadagna di più. 500 euro in un anno per comprare libri e software

Tutto sulla Buona scuola

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione