Precariato, Sasso lancia la sfida al Pd: “Batta un colpo e decida finalmente da che parte stare”

Stampa

“Il Decreto Sostegni-bis non risolve l’annoso problema del precariato e non assicura che tutti gli insegnanti di cui la scuola ha bisogno siano al proprio posto in tempo per l’avvio regolare del nuovo anno scolastico”.

Così Rossano Sasso, sottosegretario del ministero dell’Istruzione.

“Un doppio problema a cui andrà posto rimedio nel corso dell’esame parlamentare del testo. La Lega è pronta a fare la sua parte, ma per superare l’ostruzionismo ideologico del Movimento 5 Stelle è necessario che il PD batta un colpo e decida finalmente da che parte stare”, aggiunge.

Poi spiega: “Proprio stamattina mi sono confrontato sul tema con la collega Chiara Gribaudo, del Partito Democratico, e sono lieto che ci si sia trovati d’accordo sulla sostanza del problema. Ora, però, bisogna fare un ulteriore passo in avanti e spostarsi sul terreno della concretezza. La posizione della Lega è chiara: in attesa di varare un concorso titanico che ha una tempistica incompatibile con le urgenze che dobbiamo gestire, si proceda alla stabilizzazione per titoli e servizi, con un anno di incarico e formazione e valutazione finale”.

“Personalmente – sottolinea Sasso – sono pronto a firmare un emendamento congiunto con qualsiasi rappresentante del PD, ad esempio la stessa collega Gribaudo, che dimostri davvero di avere a cuore la situazione di decine di migliaia di persone che qualcuno vorrebbe continuare a mortificare umanamente e professionalmente”.

Precari, vincolo quinquennale e concorsi: la scuola ad un bivio. Orizzonte Scuola Talk con Pacifico, Pascarella e Verducci [VIDEO]

Stampa

Nuovi percorsi mirati e intensivi per prepararti al Concorso Stem. Minicorso di inglese e informatica, simulatori disciplinari consulenze Skype