Precariato, Pittoni (Lega) lancia l’allarme: “Nel PNRR non si parla di stabilizzazione dei docenti precari”

Stampa

Mario Pittoni lancia l’allarme: sul testo del Recovery Plan non c’è traccia di stabilizzazione dei precari. Un problema enorme, secondo il senatore, dato che non si possono reiterare a lungo i contratti a tempo determinato.

Il Piano nazionale di rilancio e resilienza, anche nell’ultima versione dello scorso 11 marzo, presenta un grave vulnus: non si parla di stabilizzazione dei docenti precari“. Così il senatore Mario Pittoni, responsabile Scuola della Lega e vice presidente della commissione Cultura a palazzo Madama.

Si fa – spiega – laconicamente riferimento alla ‘riforma dell’assunzione degli insegnanti’ e alla necessità di garantire la professionalità richiesta al personale scolastico tramite un ulteriore anno di formazione, ma non si prevede un intervento capace di superare quello che attualmente è il principale problema della scuola italiana“, prosegue Pittoni.

Tutti in cattedra a settembre, Bianchi ci spera: la strada è la stabilizzazione dei precari

Eppure la normativa e la giurisprudenza dell’Unione europea indicano inequivocabilmente che il datore di lavoro (pubblico o privato che sia) ha l’obbligo di non reiterare all’infinito contratti a tempo determinato e, conseguentemente, di stabilizzare il personale che per un triennio sia stato destinatario di contratti a termine su posti vacanti e quindi attribuibili, invece, a tempo indeterminato e la scuola – conclude Pittoni – non esula da tale contesto“.

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 150€! Entro il 22/04…