Precariato. Commissione europea: diritto non obbliga Stati ad assumere, ma a prevenire abuso di contratti a tempo determinato

WhatsApp
Telegram

Risposta della Commissione europea ad una lettera inviata dal sign. Massimo Grillo, sulla situazione lavoratoriva dei precari ATA in Italia.

Risposta della Commissione europea ad una lettera inviata dal sign. Massimo Grillo, sulla situazione lavoratoriva dei precari ATA in Italia.

La Commissione europea ricorda che on  sussiste  alcun obbligo   di  trasformare   una  successione   di  contratti   di  lavoro   a  tempo   determinato    in  un rapporto  di lavoro  permanente,   come  sottolineato  a pili riprese  dalla  Corte  di giustizia  dell'UE.  Il  diritto  dell'Unione   europea  non  obbliga   gli  Stati  membri   ad assumere  personale  in alcun  settore  particolare.  La clausola  5, paragrafo   1, dell'accordo   quadro allegato   alla  direttiva   1999170/CE    si  limita  a richiedere   agli  Stati  membri   l'introduzione    di misure  volte  a prevenire  l'abuso  di contratti  a tempo  determinato  successivi.

La risposta 

Si prende riferimento alla Sua e-mail del 13 agosto 2015, nella quale denuncia il fatto che, a partire dall° settembre 2015, il personale tecnico, amministrativo e ausiliario (personale ATA) "non avra neanche un contratto a tempo provvisorio" rna si troverebbe in uno stato di disoccupazione. Lei deplora questa situazione in particolare poiche la Commissione europe a ha avviato una procedura di infrazione protocollata con il riferimento NIF 2010/2124 e relativa all'abuso di contratti di lavoro a tempo determinato per il personale AT A nella scuola pubblica italiana. 

Stando alla Sua lettera, la situazione che vede un notevole numero di precari AT A in stato di disoccupazione sarebbe dovuta alla decisione della pubblica amministrazione di congelare una grande quantita di posti vacanti.

Mi rincresce informarla che il diritto dell'Unione europea non obbliga gli Stati membri ad assumere personale in alcun settore particolare. La clausola 5, paragrafo 1, dell'accordo quadro allegato alla direttiva 1999170/CE si limita a richiedere agli Stati membri l'introduzione di misure volte a prevenire l'abuso di contratti a tempo determinato successivi. Non sussiste alcun obbligo di trasformare una successione di contratti di lavoro a tempo determinato in un rapporto di lavoro permanente, come sottolineato a pili riprese dalla Corte di giustizia dell'UE. L'accordo quadro non stabilisce a quali condizioni possano essere utilizzati j contratti di lavoro a tempo indeterminato I .

La situazione da Lei descritta non viola pertanto la legislazione deU'UE. Distinti saluti,

Muriel Guin

Capo unita

WhatsApp
Telegram

Concorso per dirigenti scolastici, è in Gazzetta Ufficiale: preparati per le prove selettive. Il corso con 285 ore di lezione e migliaia di quiz per la preselettiva. A partire da 299 euro