Precari usa e getta

di Lalla
ipsef

Teresa Amodeo – Precari utilizzati come carta stracci, prima usati e poi cestinati quando non servono più! Diritti calpestati senza nessuna pietà!

Teresa Amodeo – Precari utilizzati come carta stracci, prima usati e poi cestinati quando non servono più! Diritti calpestati senza nessuna pietà!

Per il ministero noi precari siamo solo numeri da tagliare e ridurre, non sanno o non vogliono sapere che dietro ogni numero c’è una persona con la propria professionalità acquisita dopo tanti anni di studio e sacrifici. Ogni numero ha una propria storia personale e famigliare diversa dagli altri eppur viene sempre calpestato! Perchè?

Solo per un mero calcolo ragioneriestico del Ministero dell’Economia? Perchè il ministro Gelmini non ha il coraggio di ammettere la triste realtà dei tagli? Perchè non ha il coraggio di confrontarsi con la scuola reale? Perchè non si chiede come mai tanti precari del sud stanno protestando? E perchè i giornali,riviste e mass-media in generale non danno risalto ai tanti problemi della scuola?

Tante domande e poche risposte. Però io dico che ogni precario ha una dignità personale e professionale da difendere e tutelare. Dico basta agli insulti che ci vengono rivolti da più parti e dico basta ai continui tagli quotidiani, perchè continuando così ci ritoveremo in un paese di ignoranti proprio adesso che per assurdo viviamo nel mondo della comunicazione e dell’informatizzazione.

Noi insegnanti facciamo un lavoro che andrebbe rivalutato e incentivato perchè non solo insegniamo nozioni ma molte volte siamo un’agenzia educativa e formativa molto importante per le nuove generazioni.

Chiediamo più rispetto per il nostro lavoro e meno tagli nel mondo della scuola e della ricerca universitaria perchè il progresso di una nazione si misura non solo in termini di PIL ma anche e sopratutto dal grado di cultura di un popolo.

Una precaria!

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione