Precari tutti tutelati con i concorsi… e i docenti delle paritarie?

Stampa

inviata da Laura Crema – Leggo negli ultimi giorni che si vogliono concludere le prove del concorso straordinario finalizzato all’ottenimento del ruolo. E ben venga per i colleghi che hanno studiato mesi e mesi e si sono visti bloccare tutto ad un passo dalla fine.

Ma gli altri concorsi? Forse bisogna ricordare al Ministro dell’Istruzione che il mondo della scuola non è diviso in neolaureati e precari della statale: esistono anche i precari delle scuole paritarie. E non siamo poi così pochi!

Cito la sua recente dichiarazione riportata da Orizzontescuola:

“Noi abbiamo pensato a un sistema che contemperasse le esigenze dei precari che hanno più di 36 mesi di servizio, con un concorso straordinario per loro, che ha visto espletare il 75% delle prove, e che si chiuderà a febbraio. Poi c’è il concorso ordinario per i giovani neolaureati. Quindi abbiamo valorizzato sia chi aveva un servizio alle spalle, sia chi, neolaureato, aveva voglia di mettersi in gioco e provare la carriera dell’insegnamento. Entrambe le categorie sono così tutelate”.

Siamo sicuri, Ministro, che Lei stia tutelando tutti? Noi docenti delle paritarie, che possiamo tranquillamente vantare anni e anni di servizio alla pari dei colleghi delle statali, veniamo di fatto trattati da neolaureati. Perchè questa discriminazione? Non si è forse ricordato più volte che le scuole paritarie hanno la stessa dignità delle statali? Non ci è stato concesso di partecipare allo straordinario per il ruolo, ci venga almeno garantito lo straordinario abilitante.

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione