Precari TFA e PAS. Giannini: “riconosceremo i diritti acquisiti”. Punteggi aggiuntivi nel concorso 2015/16

di redazione
ipsef

Il Ministro Giannini, durante il video forum organizzato da RepubblicaTv, ha affrontato alcune tematiche riguardanti i docenti delle Graduatorie d'istituto di seconda fascia.

Il Ministro Giannini, durante il video forum organizzato da RepubblicaTv, ha affrontato alcune tematiche riguardanti i docenti delle Graduatorie d'istituto di seconda fascia.

Relativamente ai 70mila docenti che dal prossimo anno non potranno più lavorare sulle supplenze, il Ministro ha affermato che il prossimo anno, ma solo per un anno, molti iscritti in GI avranno la possibilità di lavorare sui posti liberi, comunque non si potrà andare oltre i 36 mesi di servizio con contratti a termine, quindi potranno affrontare il concorso.

Nel prossimo concorso ci sarà una disponibilità quadrupla di posti rispetto a quello del 2012. La Giannini ha, quindi, affermato che per il concorso "non è detto che non saranno riconosciuti i titoli e le esperienze rispetto a chi è semplicemente laureato".

Comunque, tiene a precisare, che "La buona scuola" supera il meccanismo che ha portato all'attuale problema del precariato. "Sulla formazione in accesso lo schema è chiaro: una laurea abilitante, perché spendere dopo la laurea tempo e soldi per le abilitazioni è uno spreco."

Il ministro ha spiegato che inserendo l'assunzione solo per concorso "abbiamo eliminato quello che finora ha impedito di rispettare la Costituzione e il precariato storico, 130.000 insegnanti precari, di cui circa 100mila li assumiamo subito. Rispettiamo dettagliatamente tutti i patti, è chiaro che c'è tutto un mondo che sta fuori dalle assunzioni e a pieno titolo può chiedersi perchè. Ma questo governo fa sul serio: chiude un capitolo doloroso, quello del precariato, e riapre subito l'opportunità che ci si aspettava da anni di avere un concorso per 60mila circa posti disponibili", ha concluso Giannini.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare