Precari storici in GaE infanzia, è l’ora della loro stabilizzazione

Stampa

comunicato Gae infanzia Napoli – La pandemia in atto ci pone e ci ha obbligato a un nuovo modello di scuola”la Didattica a distanza “per fronteggiare l’emergenza presente.

Questa nuova metodologia condivisa da tutte le CDC trova maggiore difficoltà di esecuzione nella scuola dell’infanzia.

Tale ordine di scuola risulta penalizzata ormai da 5 anni e dagli ultimi governi (l. 107)essendo stata esclusa dal piano di reclutamento straordinario…

Oggi vive ancora più incertezze in quanto tuttora risulta non essere considerata né citata dall’attuale ministro così come dai componenti della Commissione cultura.

L’infanzia ancora una volta perde la sua centralità nelle organizzazioni di “ripresa” di uno stato che dovrebbe tutelare con proposte serie e concrete il rientro scolastico in sicurezza e in presenza.

I”bambini”della fascia di età 3/6 anni hanno subito un’ interruzione delle loro prime relazioni sociali, hanno perso il loro primo punto di riferimento al di fuori del nucleo familiare “la maestra” poiché la dad non riesce ad arrivare a comunicare con la stessa intensità le emozioni che da entrambe le parti si vengono a costruire giorno per giorno nell’ambito della vita in presenza.

L’empatia si dissolve attraverso il monitor e la Dad rende sterile ogni tipo di comunicazione.

Le docenti dell’infanzia e i loro piccoli alunni non vogliono più pagare il prezzo di scelte non adeguate del governo.

Siamo docenti in “campo” dimostrando quotidianamente esperienza, competenza e organizzazione, nonostante la criticità del momento.

Oggi e non domani chiedono a gran voce di non essere più inesistenti agli occhi della politica…

Esigono soluzioni al loro precariato che ad oggi spaventa ancor di più.

Le soluzioni da noi proposte pongono il rientro in presenza a settembre come un obiettivo imprescindibile .. Tutto ciò può avvenire attraverso un’ adeguata organizzazione degli spazi e dei tempi che diluisca la presenza nei luoghi, con conseguente adeguamento del corpo docente che può avvenire attraverso la trasformazione dell’organico di fatto in organico di diritto.

Un numero di 12 /14 alunni per sezioni così da eliminare le storiche classi pollaio… e anche la Stabilizzazione dei precari storici Gae, stanchi,delusi e demotivati da vari errori ..

Tutte queste misure renderebbero il rientro in sicurezza

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia