Precari scuola: riconoscimento pieno per retribuzione, pensione e TFR del servizio pre-ruolo

WhatsApp
Telegram

Nell’interrogazione parlamentare presentata alla Commissione Istruzione alla Camera, i deputati 5 Stelle Brugherotto e D’Inca chiedono al governo e al Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini il riconoscimento pieno del pre-ruolo degli insegnanti precari ai fini della retribuzione, della pensione e del TFR.

Nell’interrogazione parlamentare presentata alla Commissione Istruzione alla Camera, i deputati 5 Stelle Brugherotto e D’Inca chiedono al governo e al Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini il riconoscimento pieno del pre-ruolo degli insegnanti precari ai fini della retribuzione, della pensione e del TFR.

L’articolo 485 del dl 297/1994 che prevede, al momento dell’immissione in ruolo nell’atto della ricostruzione della carriera il riconoscimento ai fini giuridici ed economici del servizio pre-ruolo per i primi 4 anni per intero, per gli anni successivi nella misura dei due terzi, ai soli fini economici il rimanente terzo.

Tale articolo, però, va a cozzare contro la direttiva comunitaria 1999/70/CE, la quale prescrive la non discriminazione del lavoro precario, grazie a questa direttiva, infatti, molto spesso i tribunali hanno condannato il MIUR a riconoscere gli aumenti retributivi legati all’anzianità di servizio e ad effettuare una nuova ricostruzione di carriera per i ricorrenti.




Secondo tali sentenze, infatti, non esiste un motivo di fondo che porti a discriminare il lavoro a tempo determinato prestato prima dell’immissione in ruolo riconoscendone solo parzialmente il valore ai fini retributivi, pensionistici e di TFR: le modalità di svolgimento delle attività lavorative in pre-ruolo, infatti, non si differenziano in nulla, seconda la corte, da quelle svolte una volta ottenuto il ruolo.

Le sentenze a tal riguardo, dei diversi tribunali, però, non valgono erga omnes ma solo per i ricorrenti. Per chi, quindi, vuole vedere riconosciuto per intero il servizio pre-ruolo prestato, al momento l’unica strada sembra quella del ricorso poiché sia la giurisprudenza nazionale che quella comunitaria hanno riconosciuto, in base al principio di non discriminazione, che i precari della scuola non possono ricevere un trattamento diverso rispetto ai colleghi a tempi indeterminato, proprio per questo motivo tale diritto potrebbe essere riconosciuto, molto probabilmente, in tribunale.

I deputati 5 Stelle chiedono, quindi , quali misure il governo voglia adottare per riconoscere pienamente il pre ruolo ai neo immessi in ruolo per la ricostruzione della carriera.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri