Precari e stabilizzazione Corte giustizia europea. Docente risarcito con 22mila euro

Stampa

Dopo il 26 novembre, data in cui la Corte di giustizia europea ha condannato l'Italia per la reiterazione dei contratti a tempo per i docenti precari, la parola passa ai tribunali italiani.

Dopo il 26 novembre, data in cui la Corte di giustizia europea ha condannato l'Italia per la reiterazione dei contratti a tempo per i docenti precari, la parola passa ai tribunali italiani.

Non si tratta della prima sentenza risarcitoria, lo è del tribunale di Torino che ha accolto le indicazioni della Corte di giustizia europea in fatto di politica legata ai precari della scuola e condanna il Ministero a risarcire un docente precario che per sette anni ha lavorato presso le scuole secondarie di secondo grado con contrattia  termine.

Il danno che dovrà essere risarcito equivale a quindici volte il suo attuale stipendio: 22 mila euro.

Il tribunale, però, non ha chiesto l'assunzione del docente che al momento dovrà accontentarsi del risarcimento.

Seguici anche su FaceBook per sapere delle prossime sentenze

Presto sarà la stessa Corte costituzionale a doversi esprimere sull'argomento, sentenza molto attesa dagli avvocati dei sindacati perché potrebbe avere un peso non indifferente.

Sentenza Corte giustizia europea precariato: chi riguarda, commenti, sentenza

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur