I precari delle GaE di Bolzano chiedono cattedre di potenziamento

di redazione
ipsef

Il Coordinamento dei docenti delle GAE di Bolzano annuncia che in data 9.6.2017 e` stato notificato alla Provincia l`APPELLO AL CONSIGLIO DI STATO del ricorso, rigettato dal TAR di Bolzano.

Insistiamo nella nostra rivendicazione del DIRITTO a non essere esclusi, UNICI IN ITALIA, da quanto e` previsto e prescritto dalla legge statale 107/2015 (la cosiddetta: “Buona scuola”)!

Insistiamo affinche` venga riconosciuto il DOVERE della Provincia di adeguare il proprio ordinamento ai principi della legge (come, fra l´altro, prevede esplicitamente il comma 191 della legge stessa!).

Non e` accettabile che noi, in quanto docenti delle graduatorie ad esaurimento, e che i nostri alunni, in quanto frequentanti le scuole a carattere statale, siamo di fatto trattati come CITTADINI DI SERIE B!

La COSTITUZIONE vieta, nel modo piu` perentorio, discriminazioni di questo genere!

La nostra mobilitazione non solo dunque non si ferma, ma trae nuovo slancio sia sotto il profilo processuale, sia sotto quello politico, attraverso la sensibilizzazione e il coinvolgimento di nuovi interlocutori.

Chiediamo con forza il potenziamento dell`offerta formativa, l`istituzione dell`organico del potenziamento e lo svuotamento delle graduatorie ad esaurimento!

Annunceremo dalla nostra pagina facebook: “Precari della scuola di Bolzano” nuove iniziative di protesta, qualora la maggioranza al governo della Provincia si ostinasse a non voler accogliere le nostre istanze.

Per il Coordinamento,

Il portavoce,

prof. Enrico Palazzi

Versione stampabile
anief
soloformazione