Precari con più di 36 mesi di servizio, diritto a risarcimento da 2,5 a 12 mensilità. Assunzioni tramite concorso

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La Corte di Cassazione ha depositato la sentenza n. 27384/2016 con la quale si riconosce il diritto al risarcimento per i supplenti che sono stati assunti per un periodo superiore a 36 mesi.

La Corte ammonisce “È abusiva la reiterazione protratta dei contratti a termine oltre il termine di 36 mesi e finalizzata a coprire posti vacanti nella pianta organica”.

Dunque se da un lato la Cassazione ritiene corretto il risarcimento per il servizio protratto oltre 36 mesi di servizio, con una cifra che varia da 2,5 a 12 mensilità a seconda del numero delle volte in cui è stato reiterato il contratto a termine, dall’altra esclude la possibilità di stabilizzazione. Non sarà infatti il giudice a decidere se il precario, nonostante i tre anni di contratto, debba essere assunto a tempo indeterminato o no, ma la via rimane quella del concorso, stabilita dalla legge 107/2015.

Si legge infatti nella sentenza la disciplina è stata ulteriormente modificata, questa volta in modo significativo, dalla legge 13 luglio 2015 n.107 che, oltre a prevedere un piano straordinario di assunzioni del solo personale docente per l’anno scolastico 2015/2016 suddiviso in tre fasi: ha sancito la definitiva perdita di efficacia delle graduatorie ad esaurimento effettivamente esaurite (art.1 c. 105); ha ribadito la cadenza triennale dei concorsi, da indire su base regionale tenendo conto del fabbisogno espresso dalle istituzioni scolastiche nel piano dell’offerta formativa; ha previsto l’efficacia egualmente triennale delle graduatorie concorsuali (art.1 c. 113); ha inserito un limite alla reiterazione delle supplenze, prevedendo che a decorrere dal 1 settembre 2016 i contratti a tempo determinato per la copertura di posti vacanti e disponibili non possono superare la durata complessiva di trentasei mesi, anche non continuativi (art. 1 c.131)”

Dunque, esaurimento delle GaE residue, concorso come unico strumento di accesso al ruolo, graduatorie di merito triennali.

E sulla scia di questa sentenza sono già numerosi i provvedimenti dei giudici.

Precari, Anief: a Roma risarcimento record (250000 euro) e riconoscimento scatti anzianità

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione