Potrebbe tornare il giuramento per il personale scolastico. No della Cgil

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’obbligo di giuramento per i pubblici dipendenti abrogato per i docenti nel 1981 potrebbe essere ripristinato con il testo della ministra Bongiorno per il miglioramento della Pubblica amministrazione.

La Cgil audita il 9 aprile in settima commissione al Senato ha manifestato immediatamente contrarietà. Secondo il sindacato il provvedimento provoca un’arretratezza: “il testosi legge sul sito sindacaleriporta indietro le lancette del tempo al 2009, dato che l’articolato disegna nuovamente una serie di paletti e vincoli alla contrattazione nazionale ed a quella integrativa, di cui si limita l’indipendenza ed il campo d’azione”.

Sempre la Cgil rimarca che il provvedimento fu abrogato per tutta la pubblica amministrazione nel 2001 e per i docenti addirittura vent’anni prima. 

“Per la CGIL – scrive ancora il sindacato – al contrario, ogni intervento di riforma deve essere caratterizzato da un ampliamento dell’ambito di intervento della contrattazione, soprattutto con più esplicito riferimento all’organizzazione del lavoro. Si delinea una figura di dirigente (anche scolastico) più impegnato a fare da controllore che a valorizzare le professionalità e le risorse a sua disposizione. Si persevera nel voler inserire la valutazione delle performance e si apre la strada al reclutamento regionalizzato del personale scolastico”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione