Posti sostegno in deroga rimangono al 30 giugno, MEF non cambia idea

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I posti di sostegno in deroga continueranno ad essere assegnati come supplenze al 30 giugno anche nell’a.s. 2018/19. No del MEF a trasformazione al 31 agosto.

La comunicazione è stata fornita dal Dott. Pinneri del Miur alla delegazione USB in sciopero il 30 novembre scorso.

“Ancora maggiore la chiusura sulla trasformazione dell’organico di fatto in diritto in relazione ai posti di sostegno – scrive l’USB – con il Dott. Pinneri che ha espresso le difficoltà da parte del Miur nel superare le resistenze del Mef, che esprime non pochi dubbi sul numero delle certificazioni presenti sul territorio italiano e di conseguenza non vuole procedere a stabilizzare i posti in deroga in organico di diritto. ”

Dunque gli organici di sostegno non potranno contare su questi nuovi posti, o perlomeno su una parte di essi.

Posti attesi dai docenti per i trasferimenti o per le immissioni in ruolo.

Le supplenze su posti di sostegno in deroga sfiorano ogni anno i 50.000 contratti, con inevitabili conseguenze.

Una di queste è che a fronte di un numero più basso di docenti in possesso della specializzazione per l’insegnamento a questi alunni, la supplenza può essere conferita anche ai docenti senza titolo.

Versione stampabile
anief
soloformazione