Posizioni economiche ATA, sindacati chiedono intervento legislativo

di redazione
ipsef

red – Ieri, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Fgu hanno avuto un incontro informale col presidente della 7ª Commissione del Senato, relativamente alle posizioni economiche del personale ATA attraverso opportuni interventi emendativi del testo di legge in discussione.

red – Ieri, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Fgu hanno avuto un incontro informale col presidente della 7ª Commissione del Senato, relativamente alle posizioni economiche del personale ATA attraverso opportuni interventi emendativi del testo di legge in discussione.

I lavori della Commissione, in attesa che si formi il nuovo governo, sono stati rinviati alla settimana prossima: tuttavia gli esponenti politici presenti all’incontro hanno manifestato una precisa volontà di impegno in direzione delle richieste avanzate da parte sindacale.

"Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Fgu – scrivono i sindacati nel comunicato – continueranno comunque nei prossimi giorni a svolgere un’azione incalzante per ottenere soluzioni che tutelino i lavoratori e il buon funzionamento delle istituzioni scolastiche. Pesano sul confronto in atto sia i numerosi errori riscontrati attraverso la lettura dei cedolini di febbraio, da cui emerge che in molti casi il taglio degli stipendi ha colpito anche personale che non avrebbe dovuto esserne coinvolto, sia le indicazioni date dal MEF di procedere al recupero, a partire dal mese di marzo, degli importi erogati per le posizioni economiche a decorrere da settembre 2013."

Sindacati che chiedono l’annullamento del recupero e anticipando una intensificazione delle azioni di protesta, nel caso non si giungesse ad una soluzione.

Vedi anche

Posizioni economiche Ata. MEF chiede chiarimenti al Miur per eventuale regolarizzazione su stipendio marzo 2014

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare