PON per la scuola: prime indicazioni sulle attività formative

L'autorità di gestione del  Per la scuola – Competenze e ambienti per l’apprendimento 2014-2020, con la nota 5577 del 21 marzo 2016, ha reso note le graduatorie regionali definitive relative all’Avviso destinato alla individuazione degli “Snodi formativi territoriali” (nota 2670/16).

L'autorità di gestione del  Per la scuola – Competenze e ambienti per l’apprendimento 2014-2020, con la nota 5577 del 21 marzo 2016, ha reso note le graduatorie regionali definitive relative all’Avviso destinato alla individuazione degli “Snodi formativi territoriali” (nota 2670/16).

Gli snodi sono destinati a formare il personale della scuola per l’aumento delle competenze relative ai processi di digitalizzazione e di innovazione tecnologica per un uso consapevole delle risorse digitali nella prassi didattica e nell’attività amministrativa; promuovere l’innovazione didattica delle scuole supportata dalle tecnologie; attivare azioni di orientamento, di supporto e di collegamento con il territorio per lo sviluppo di un sistema di formazione integrata.

Gli snodi (ossa le sedi dove avverrà la formazione), dovranno assicurare la copertura territoriale, la continuità negli anni della progettualità formativa e la partecipazione a monitoraggi qualitativi. Per l’attività degli snodi il PNSD prevede l’utilizzo di quota parte delle risorse destinate alla Formazione dalla legge 107/15 (circa 10 milioni di euro all’anno) + risorse PON-FSE “Per la Scuola” 2014-2020 + stanziamenti ordinari del ministero.

In base a quanto previsto dall’Avviso 2760/16, si procederà di volta in volta all’individuazione specifica delle sedi da coinvolgere nelle attività formative, sulla base dei bisogni formativi e della tipologia dei beneficiari (dirigenti scolastici, direttori dei servizi generali e amministrativi, docenti, personale amministrativo, ecc.)

Nei giorni scorsi i coordinatori dei nuclei di valutazione regionale hanno inserito nel sistema informativo del PON, una serie di documenti e informazioni, tra cui l’individuazione dell’Istituto scolastico coordinatore a livello regionale e l’Istituto o gli Istituti con funzioni di coordinamento a livello provinciale, con relative motivazioni.

Nella prima fase la formazione riguarderà per ciascuna istituzione scolastica:
il Dirigente scolastico
il Direttore dei servizi generali e amministrativi,
due assistenti amministrativi
una unità di personale, da individuare tra il personale ATA o docente, per assicurare assistenza tecnica nelle scuole del primo ciclo
una unità di personale tecnico nelle scuole del secondo ciclo.

Questa la tempistica individuata dall’autorità di gestione per la prima fase:
Emanazione dell’“Avviso pubblico rivolto agli Snodi Formativi Territoriali selezionati per la formazione in servizio all’innovazione didattica e organizzativa”. L’Avviso inviterà gli istituti sedi di Snodi formativi a presentare una proposta formativa per ciascuna tipologia di destinatari.

Dalle ore 10,00 del 4 aprile 2016 alle ore 14,00 del 14 aprile 2016: inserimento delle proposte, nel Sistema Informativo GPU “Gestione degli Interventi”, da parte delle scuole snodo. La scuola dovrà per ogni modulo indicare: la sede di svolgimento, la data inizio e fine modulo, il numero partecipanti (15-30), la scheda finanziaria (secondo le voci di costo proposte dal sistema per quel tipo modulo).

Pubblicazione degli snodi attivi
Dal 18 aprile alle ore 14.00 del 26 aprile: il Dirigente Scolastico potrà entrare su GPU nell’apposita area con la sua “normale” utenza e iscrivere la propria scuola, se stesso, il DSGA, i due assistenti amministrativi, un assistente tecnico (ATA o docente) per le istituzioni scolastiche di I Ciclo oppure un assistente tecnico (ATA) per le istituzioni scolastiche di II Ciclo.  Il DS è tenuto a concordare con tale personale la scelta della scuola snodo e il modulo formativo da seguire
Entro l’inizio di giugno 2016: termine della prima fase di formazione dei Dirigenti Scolastici
Entro la fine del mese di luglio 2016: termine della prima fase di formazione dei DSGA.

La prima fase per i DS e DSGA si concluderà con l’inserimento nel sistema di un Project Work da loro elaborato.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia