PON. Finanziamento Area Gestionale, Anquap: contraddizioni nelle modalità di calcolo. A rischio pagamenti DS e DSGA

In un documento dedicato alla gestione dei PON, l’Anquap denuncia le contraddizioni, relativamente al finanziamento dell’Area Gestionale, tra disposizioni di avvio e procedure di chiusura dei progetti, chiedendone la correzione.

Modalità calcolo finanziamento dell’Area Gestionale

Il finanziamento dell’Area Gestionale è calcolato in base alle presenze degli studenti. Così, scrive l’Anquap, è stato indicato al momento della presentazione del candidature.

Successivamente, le Linee Guida (pubblicate con nota n. 1498 del 09.02.2018) hanno  chiarito che “L’importo dell’Area Gestionale dipende direttamente dalla effettiva frequenza dei partecipanti. La metodologia di calcolo, infatti, è la seguente: Numero di allievi * numero di ore del percorso formativo* Unità di costo standard pari ad € 3,47. E’ necessario pertanto assicurare il maggior numero di presenze dei partecipanti al fine di garantire il massimo rimborso dell’area gestionale”.

Le stesse indicazioni sono state poi ribadite con la circolare n. 38115 del 18.12.2017, secondo cui in fase di avvio la scuola può ampliare il numero di iscritti oltre a quello autorizzato, così da avere un più alto numero di partecipanti. Ciò, al fine di garantire un numero maggiore di attestazioni di frequenza, con conseguente minor rischio di perdere risorse gestionali.

Quanto suddetto, denuncia l’Anquap, è sconfessato al momento della chiusura dei singoli moduli e dell’inserimento della CERT_S, quando si scopre che il calcolo del finanziamento dell’area gestionale viene effettuato sulle ore di presenza complessive dei primi 20 studenti frequentanti, graduati in base al numero delle ore di frequenza individuale e non sulle presenze degli studenti in generale. 

Pagamento figure che non svolgono compiti amministrativi

Oltre alla differente modalità di calcolo del finanziamento dell’Area Gestionale, l’Anquap evidenzia il fatto che, potendo rilevare solo al termine del modulo le presenze degli studenti, non è possibile il pagamento delle figure coinvolte (in attività non amministrative) al termine delle ore svolte, così come il mantenimento di altri impegni assunti:

  • Personale Collaboratore Scolastico: ore eccedenti già prestate per la realizzazione del percorso formativo e quindi da retribuire
  • Figure di Supporto: ore eccedenti già prestate per la realizzazione del percorso formativo e quindi da retribuire
  • Acquisizione di beni e servizi: Effettuati già durante la realizzazione del percorso formativo e, quindi, le fatture da liquidare

Pagamento DS, DSGA e Assistenti amministrativi

Diversamente dalle succitate figure, il dirigente scolastico, il DSGA e gli assistenti amministrativi non esauriscono il loro lavoro con lo svolgimento delle ore del modulo, in quanto le attività amministrative vanno oltre la realizzazione dei percorsi formativi.

Pertanto, conclude l’Anquap, c’è il rischio che le predette figure siano costrette a ridurre drasticamente, a seguito della chiusura dei vari moduli e adella rilevazione delle presenze/assenze, la disponibilità di ore eccedenti da impegnare per la realizzazione delle varie azioni FSE e/o addirittura correre il rischio di vedere svanire qualsiasi compenso.

Il documento dell’Anquap

Docenti neoassunti, formazione su didattica digitale integrata. Scegli il corso ideato da Eurosofia per acquisire le nuove, indispensabili competenze