Polizia fa irruzione a scuola durante un dibattito sulla cannabis legale. Azione-Italia Viva presentano interrogazione parlamentare

WhatsApp
Telegram

Durante un’assemblea autorizzata dalla scuola per discutere sulla legalizzazione della cannabis, la polizia è entrata in aula e ha identificato i rappresentanti d’istituto.

È successo nella scuola Majorana-Cascino di Piazza Armerina, nell’Ennese, la città che ospita la Villa Romana del Casale.

L’iniziativa degli studenti rientrava nella campagna condotta in Italia dall’associazione “Meglio legale” per la legalizzazione della cannabis e un relatore dell’incontro, Pierluigi Gagliardi, racconta che “mentre con l’aiuto di alcune slide dibattevamo da remoto coi ragazzi, sono intervenute le forze dell’ordine. Troviamo che sia un fatto gravissimo e inaccettabile, mai successo prima nelle altre scuole”.

La dirigente scolastica Lidia Di Gangi, che non era in istituto durante l’incontro, spiega che deve ancora parlare coi ragazzi e che “comunque l’assemblea è stata portata a termine”.

Azione-Italia Viva, in un’interrogazione parlamentare, chiede al Ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi,

  • Se ritiene opportuno che le forze dell’ordine intervengano per impedire agli studenti di esercitare i propri diritti sanciti dalla Costituzione, dallo Statuto delle studentesse e degli studenti e da numerose norme.
  • Quali azioni intenderà intraprendere nei confronti di chi ha effettuato un atto intimidatorio nonostante le rassicurazioni della dirigente scolastica e per evitare che abusi analoghi possano ripetersi in futuro.
  • Per quale ragione l’ispettore che ha agito nella scuola di Piazza Armerina non si è fidato delle rassicurazioni.

INTERROGAZIONE

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri