Polemica sui 100 e lode in Calabria. Il Sud risponde con l’accoglienza e la condivisione

di redazione
ipsef

dp – Un colloquio telefonico tra il presidente dell’ente intermedio reggino, Giuseppe Raffa e l’assessore alla pubblica istruzione vicentina Morena Martini, smorza i toni della polemica. Il Sud risponde alle accuse di sopravvalutare i propri studenti con "accoglienza e condivisione".

dp – Un colloquio telefonico tra il presidente dell’ente intermedio reggino, Giuseppe Raffa e l’assessore alla pubblica istruzione vicentina Morena Martini, smorza i toni della polemica. Il Sud risponde alle accuse di sopravvalutare i propri studenti con "accoglienza e condivisione".

Ricordiamo che l’assessore Martini nei giorni scorsi aveva chiesto al liceo scientifico "Da Vinci" gli atti degli esami di venti studenti diplomati con il voto di cento e lode.

A questa polemica era seguita una lettera da parte del presidente del Comitato Genitori Scuole (Coges) con la quale si sottolineava che i "venti 100 e lode del Vinci rappresentano la punta di diamante di circa 400 maturati nell’anno, (una percentuale quindi del 5%, che riteniamo sia accettabile), di una scuola da sempre ai vertici dell’eccellenza nella regione", frutto di una lunga tradizione.

Adesso il colloquio telefonico tra il presidente dell’ente intermedio reggino, Giuseppe Raffa e l’assessore alla pubblica istruzione vicentina Morena Martini. "E’ stato – ha affermato Raffa – un colloquio franco, cordiale e di condivisione quello avuto con l’assessore Martini, con la quale abbiamo ribadito la congiunta volontà di stimolare e migliorare la scuola pubblica."

Inoltre, ha proseguito il presidente – "la dottoressa Martini ha avuto modo di apprezzare il mio invito a visitare Reggio, impegnandosi a farlo assieme al dirigente scolastico, per incontrare gli alunni e il corpo docente del liceo scientifico. Quella sarà per noi l’occasione per illustrare la bontà dei progetti scolatici che portiamo avanti e, soprattutto, per ribadire i concetti di fondo che fanno parte della nostra cultura, dell’accoglienza e della condivisione”.

"Ricambieremo la visita – conclude Raffa – Sono certo che da questi incontri nascerà un gemellaggio tra le due province che, sicuramente, sarà uno strumento virtuoso sia per il territorio reggino che per quello vicentino"

Versione stampabile
anief
soloformazione