Pochi docenti di sostegno, genitori si offrono come insegnanti ad interim

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Succede in Puglia: mancano i docenti di sostegno, si consiglia di lasciare i ragazzi a casa. I genitori si offrono come insegnanti ad interim.

La denuncia arriva da Anffas Puglia in un comunicato stampa riportato da Bari viva.

“Il 2019 è l’anno peggiore” afferma Domenico Casciano, responsabile Anffas. Talvolta si è consigliato alle famiglie di lasciare i figli disabili a casa, ma si tratta per Anffas di una discriminazione. Per evitare questo alcuni genitori si sono offerti volontari, come insegnanti di sostegno ad interim, per fare in modo che i figli non stiano soli. I dirigenti scolastici starebbero provvedendo a effettuare le opportune convocazioni, ma queste non vanno a buon fine perché non ci sono docenti in possesso di titolo di specializzazione.

Anffas denuncia anche l’assenza dei ragazzi disabili nella vita sociale del dopo scuola, per la mancanza di opportunità adeguate. “Serve la continuità – sottolinea Casciano – Come fa la famiglia, che si prende cura del proprio caro per tutta la durata della sua vita”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione