PNRR Scuola, individuazione dei poli per la diffuzione dell’innovazione didattica. Avviso Ministero [PDF]

WhatsApp
Telegram

Nel contesto del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e più specificamente la sua Missione 4 – Istruzione e Ricerca, è stato annunciato un investimento significativo nel settore dell’istruzione.

Il fulcro di questo investimento riguarda la “Didattica digitale integrata e formazione alla transizione digitale per il personale scolastico”, finanziato nell’ambito del programma europeo Next Generation EU. Si prevede la creazione di una rete di poli formativi territoriali che agiranno come centri di eccellenza e diffusione delle pratiche didattiche digitali innovative.

Con l’obiettivo di ampliare la portata e l’efficacia di questo progetto, sono state avviate attività di formazione, diffusione e disseminazione su larga scala. L’inclusione è fondamentale per il successo di questa iniziativa, e per questo si mira a coinvolgere ampiamente scuole, personale scolastico, docenti, studenti e comunità locali.

L’avviso recentemente pubblicato ha come obiettivo primario la selezione di istituzioni scolastiche statali del secondo ciclo come “poli per la diffusione dell’innovazione didattica e digitale”. Queste istituzioni avranno il compito di guidare iniziative nazionali mirate al rafforzamento delle competenze digitali, alla documentazione, alla disseminazione delle esperienze e alla promozione delle migliori pratiche nell’ambito della didattica digitale.

La procedura di selezione è suddivisa in due fasi chiave. La prima fase riguarda la preselezione delle scuole attraverso la presentazione di manifestazioni di interesse. La seconda fase coinvolge la presentazione di progetti esecutivi da parte delle scuole selezionate, che verranno finanziati in base alle risorse disponibili.

Uno degli obiettivi chiave di questo intervento è di formare un totale di almeno 650.000 unità di personale scolastico entro la fine del 2024. Questo rappresenta un’ambiziosa iniziativa per rafforzare l’infrastruttura educativa dell’Italia e prepararla per un futuro digitalizzato.

Per tenere traccia e gestire le varie azioni legate a questo investimento, è stata lanciata la piattaforma “Scuola Futura”, che agirà come portale centrale per tutte le attività, con il coordinamento dell’Unità di missione per il PNRR.

AVVISO [PDF]

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta