Pnrr, niente fondi se la palestra non è collegata alla scuola. Lo dice il TAR

WhatsApp
Telegram

Se non è garantita “una connessione diretta e protetta” con l’edificio scolastico esistente è giusto bocciare la domanda del Comune che chiede un finanziamento con fondi Pnrr ‘Next Generation EU’ per la costruzione di una nuova palestra al servizio degli alunni.

E’ questa la motivazione con cui il Tar della Liguria ha respinto un ricorso del Comune di Villanova d’Albenga (Savona) contro il Ministero dell’Istruzione e la Città metropolitana di Genova.

“L’avviso pubblico richiedeva ai partecipanti di dimostrare la sussistenza, nello stato di fatto o in quello di progetto, di un collegamento tra palestra e scuola con specifiche caratteristiche – spiega il Tar nella sentenza, riferisce l’Ansa, – L’affermazione della presenza di un collegamento, nella relazione tecnica, non trovava conferma, com’era invece indispensabile non solo per dimostrare l’effettiva esistenza della “connessione”, ma anche per dare la possibilità al Ministero di verificare che fosse realmente “diretta e protetta”, anche alla luce del fatto che, attualmente, tra l’edificio scolastico e il terreno su cui dovrebbe sorgere la palestra vi è un parcheggio pubblico, dunque interessato dal traffico di auto e moto”.

La Città metropolitana di Genova si era costituita in giudizio, riferendo di aver presentato una domanda accolta con riserva per la nuova costruzione di una palestra presso un liceo, chiedendo il rigetto del ricorso e osservando che l’eventuale accoglimento dell’impugnativa, comportando il concorso del Comune di Villanova d’Albenga al riparto dei fondi, avrebbe potuto pregiudicare tutti i soggetti i cui progetti sono stati ammessi a finanziamento.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur