Pnrr, sì a piano da 25 miliardi entro luglio. Si parte subito per rafforzare gli asili nido e messa in sicurezza per edifici scolastici. Obiettivo anche digitalizzazione scuole

Stampa
Bambini

Promosso, quasi a pieni voti, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza italiano. Bruxelles ha assegnato tutte “A”, ad eccezione di una “B” per la voce costi. L’ufficializzazione arriverà oggi. Sinora sono stati giudicati e promossi i piani di Austria, Lussemburgo, Danimarca, Grecia, Slovacchia, Spagna e Portogallo.

Apprezziamo le valutazioni lusinghiere della Commissione europea sul Pnrr italiano“, ha affermato il ministro PA Brunetta. “La promozione sul campo dello straordinario lavoro del Governo Draghi è un altro gol segnato dall’Italia in Europa. Un passo che non soltanto ci consente di accedere all’anticipo di 25 miliardi entro luglio, ma che rafforza ancora la credibilità del nostro Paese, già riconquistata con il pieno rispetto del cronoprogramma sull’approvazione del Piano e delle prime riforme

Nel piano investimenti diretti per ristrutturazioni di edifici pubblici, scuole, tribunali, alberghi, musei, cinema e teatri. E poi il digitale: il piano prevede importanti investimenti nella digitalizzazione delle imprese, nel completamento delle reti a banda ultralarga e nella connettività 5G. “Significativi” gli interventi che mirano alla digitalizzazione della pubblica amministrazione, tra cui scuola e sanità, e quelli per la digitalizzazione della giustizia.

Obiettivi prioritari e primi punti nella roadmap degli investimenti, il rafforzamento degli asili nido (per i quali sono attesi 650 milioni), la messa in sicurezza degli edifici scolastici e la rimozione dei divari territoriali da attuare con l’aiuto dell’Invalsi per la quale gli investimenti ammonterebbero a 400 milioni . Dal prossimo anno, 2022, priorità saranno il miglioramento degli studentati e l’aumento delle borse di studio universitario. Sarebbero queste le voci dei primi 3 miliardi di spesa.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur