PNRR: 600 milioni per le STEM, altri 600 per formazione linguistica docenti e transizione digitale. Ecco la distribuzione tra le scuole

WhatsApp
Telegram

Pubblicati i decreti con la ripartizione delle risorse del PNRR relative all’investimento 3.1 “Nuove competenze e nuovi linguaggi” e all’investimento 2.1 “Didattica digitale integrata e formazione alla transizione digitale per il personale scolastico”). In totale 1,35 miliardi dal PNRR.

Il decreto n. 65 del 12 aprile ripartisce (riparto risorse per scuola)

  • 600 milioni di euro per la realizzazione di percorsi didattici, formativi e di orientamento per alunni e studenti finalizzati a promuovere l’integrazione, all’interno dei curricula di tutti i cicli scolastici, di attività, metodologie e contenuti volti a sviluppare le competenze STEM, digitali e di innovazione, nonché quelle linguistiche, garantendo pari opportunità e parità di genere in termini di approccio metodologico e di attività di orientamento STEM.
  • 150 milioni di euro per la realizzazione di percorsi formativi di lingua e di metodologia di durata annuale, finalizzati al potenziamento delle competenze linguistiche dei docenti in servizio e al miglioramento delle loro competenze metodologiche di insegnamento.

Il decreto n. 66 del 12 aprile ripartisce 450 milioni di euro a favore di tutte le scuole statali quali snodi formativi locali del sistema di formazione continua per la transizione digitale finalizzato alla realizzazione di percorsi formativi per dirigenti scolastici, direttori dei servizi generali e amministrativi, personale ATA, docenti, personale educativo sulla transizione digitale nella didattica e nell’organizzazione scolastica, riservando il 40% alle scuole appartenenti alle regioni del Mezzogiorno.

Ripartizione per scuola

Sul decreto che prevede fino a 150 milioni di euro aggiuntivi per Erasmus+ si rimanda a Erasmus+, dal PNRR fino a 150 milioni di euro in più per studenti e personale scolastico. Decreto

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta