Pittoni: “Sui percorsi abilitanti presto una riunione”. Sul vincolo mobilità: “Capisco difficoltà dei docenti, ma Europa, per ora, non ammette spiragli” [VIDEO INTERVISTA]

WhatsApp
Telegram

In un’ampia intervista concessa a Orizzonte Scuola, Mario Pittoni, responsabile Istruzione della Lega, ha affrontato una serie di tematiche cruciali riguardanti il mondo dell’educazione e della formazione. Tra i punti salienti discussi, spiccano i concorsi per l’insegnamento, i percorsi abilitanti, la mobilità degli insegnanti e la questione del “doppio canale” nell’ambito della formazione.

Pittoni ha espresso una certa reticenza riguardo l’attuale formula dei concorsi, una procedura che, nonostante non incontrasse il pieno favore della Lega, è stata concordata a livello europeo. Con 70.000 assunzioni previste, che coprono appena i pensionamenti su base triennale, il problema del precariato storico rimane irrisolto, sottolinea Pittoni. Sul fronte del “doppio canale”, una promessa della coalizione di governo, Pittoni rimane ottimista sulla possibilità di attivarlo, nonostante le sfide presenti.

Per quanto riguarda i percorsi abilitanti, Pittoni riconosce che i tempi di implementazione si stanno allungando a causa di vari passaggi burocratici. Tuttavia, sottolinea l’importanza di un sistema efficiente e pronto all’uso, evitando così difficoltà future: “Oggi l’Italia ha un numero assolutamente troppo limitato di abilitati e di specializzati sul sostegno. Bisognava trovare i meccanismi più agili per cui ho chiesto come primo punto superamento del numero chiuso, perché se abbiamo difficoltà in qualche territorio dove c’è un numero eccessivo di iscritti si può tranquillamente utilizzare lo scaglionamento che abbiamo già sperimentato nel 2013. Si deve dare a tutti la possibilità di accedere a tutti i corsi, La selezione sarà poi in corso d’opera. Se uno si impegna, se fa le cose come si deve, arriva l’abilitazione, se no si ferma ed eventualmente si riprova in un’occasione successiva. Altro punto importante è l’avvio di tutti i percorsi in contemporanea. Non c’è motivo di far partire prima un corso e poi un altro perché si scatenerebbe l’ennesima guerra tra poveri”.

Spiega poi Pittoni che l’ANVUR ha svolto il suo ruolo e ora è il turno dei ministeri per finalizzare le norme attuative: “Nei prossimi giorni ci sarà un incontro tra MIM e MUR”  L’esponente della Lega, poi, ha ricordato gli sforzi per aumentare la percentuale di lezioni online per specifici gruppi di aspiranti insegnanti, sottolineando però che l’imposizione di queste percentuali alle università non è possibile: “Occorre puntare sull’estensione delle lezioni online fin dove non intacca la qualità delle lezioni per contenere le spese e agevolare l’accesso di chi non risiede a ridosso delle strutture universitarie”

In merito ai costi dei percorsi abilitanti, Pittoni ha evidenziato l’impostazione di un tetto massimo per i corsi, pur riconoscendo le difficoltà nel renderli completamente gratuiti. Inoltre ha accennato alla concorrenza tra strutture statali e non statali come un potenziale fattore di riduzione dei costi.

Infine, sulla questione della mobilità degli insegnanti, Pittoni ha espresso frustrazione per l’immobilismo attuale. Nonostante alcuni progressi, come nuove regole per i genitori con figli minori, importanti emendamenti sono stati respinti: “Nonostante gli sforzi compiuti, il mantenimento del vincolo, considerato basilare per il PNRR, sembra ancora inamovibile. Proposte elaborate sono state avanzate per superare questo limite e convertirlo in incentivi. Tuttavia, la risposta da parte delle autorità è stata decisamente negativa. In questo contesto, le possibilità di progresso sul fronte politico appaiono limitate. Non sono state offerte soluzioni alternative, lasciando il sistema educativo in una spirale di difficoltà”.

La situazione costringe molti insegnanti a scegliere tra la precarietà e l’abbandono di un ruolo fisso, aggravata da una significativa riduzione del potere d’acquisto degli stipendi negli ultimi 15 anni. Un dialogo in corso con Bruxelles potrebbe riaprire la discussione su questi temi critici.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri